Cava, abitanti tornano nelle loro case. Spento l’incendio, il sindaco annuncia querele

Salerno - Riunito a Cava stamattina il Centro Operativo Comunale per seguire le ultime fasi di spegnimento degli incendi di Monte Sant'Angelo.  I

lettura in 3 min

Salerno – Riunito a Cava stamattina il Centro Operativo Comunale per seguire le ultime fasi di spegnimento degli incendi di Monte Sant’Angelo.  Impegnati nelle operazioni un elicottero della Protezione Civile regionale, uno dei Vigili del Fuoco ed un Canadair della flotta nazionale, poi spostatosi sul fronte di Tramonti, per domare gli ultimi focolai. Dalla riunione del C.O.C, con la partecipazione del Sindaco Servalli, è emerso che non sussistono più le condizioni di criticità per i residenti ai piedi del monte ed è stata decisa la revoca dell’ordinanza di evacuazione delle famiglie dalle abitazioni minacciate dall’avanzata del fuoco.  Il vicesindaco Nunzio Senatore, invece, si è portato in alta montagna, in vetta sud e in località Pietrapiana, per segnalare la posizione dei focolai e dare una mano nello spegnimento insieme ai volontari dell’Associazione Amici di Monte Finestra, che per tutta la notte hanno lavorato senza sosta per arginare le fiamme.

L’occasione è stata utile per fare chiarezza su tempistica ed intensità dei soccorsi: “Nelle prime ore della mattinata di martedì – dice il sindaco – ai primi segnali fumo, la Protezione Civile cavese attraverso il luogotenente Matteo Senatore della Polizia Locale, ha segnalato ai Vigili del Fuoco ed al SOUPP (la sala operativa della Protezione Civile regionale) la presenza dei focolai d’incendio che ha attivato i DOS (Direttore Operazione Spegnimento) per la gestione delle operazioni aeree. Immediatamente si è mobilitata la macchina comunale con tutti i mezzi ed il personale disponibile;  alle ore 10 era già stata montata ed operativa la vasca per l’approvvigionamento idrico nell’ex velodromo e nella giornata sono stati effettuati ben 91 lanci dagli elicotteri della Protezione Civile Regionale e dei Vigili del Fuoco, che purtroppo si sono rivelati non risolutivi. Il contenuto di alcuni articoli di stampa  mi impone di verificare la possibilità di una azione di tutela legale dell’Amministrazione, soprattutto per il rispetto ai tanti collaboratori e volontari che dal primo istante hanno combattuto senza sosta questa difficile battaglia”. Nei prossimi giorni il Sindaco Servalli illustrerà in una conferenza stampa tutti gli aspetti inerenti le operazioni di spegnimento dell’incendio.

sicurmore

Commenti