Tempo di lettura: 3 minuti

Avellino – In evidente stato di abbandono i mezzi dell’Air, l’azienda di trasporti che vanta da sempre di essere tra le più moderne e all’avanguardia. Ma non sembra sia  così. Amara sorpresa per le decine di pendolari che abitualmente usano i pullman dell’Air all’interno dei quali piove. Lo dimostrano le immagini: le infiltrazioni sono talmente consistenti che molti passeggeri sono costretti a mettersi al riparo se ci riescono nel caso in cui ci sia qualche posto libero.

 C’è chi lamenta che, in alcuni momenti con  la pioggia battente, non ci sia alcuna differenza tra stare dentro o fuori. In particolare abbiamo raccolto la testimonianza di un viaggiatore sulla corsa  Avellino – Napoli.

Cosa dire, sono  partito da Avellino con il pullman delle 13.30 e pioveva dentro. Lo stesso mezzo si è fermato su un ‘area di servizio , perché qualcosa non andava. Il conducente ha fatto dei controlli all’interno del cofano usando una tanica di acqua. Al ritorno giunti a Torrette  di Mercogliano il pullman su cui facevo rientri rsi è fermato accanto  ad un altro pullman sempre dell’Air  in corsa per Napoli, da dove sono  scesi  i passeggeri perché , era scoppiata una gomma. Per fortuna non è accaduto in autostrada dove la velocità e’ diversa.
In sintesi nella stessa giornata tre eventi di inefficienza del servizio in termini di sicurezza per i passeggeri. La percentuale di rischio è alta in una giornata solo io ho vissuto tre vicende di pericolo nel trasporto Irpino. Non riesco a capire cosa renda  insicuro e poco efficiente il servizio. I pullman per Napoli sono sempre pieni, per cui si presume che i biglietti creino entrate,  c’è un esborso economico regionale( soldi nostri) eppure il servizio non funziona e non è sicuro. Cosa non fa quadrare i conti? Il rapporto servizio occupati è in equilibrio? La pianta organica è sovradimensionata?I pullman come fanno a circolare senza un adeguata sicurezza? Di chi è la responsabilità della sicurezza? Mi chiedo come sia possibile che pullman di diverse società private, che eseguono tratte anche internazionali, con un costo di biglietto basso, siano efficienti e sicuri”- commenta il viaggiatore.

 Un disagio incredibile per le tante persone che ogni mattina si recano nella città partenopea. Pagano il biglietto all’Air e magari vorrebbero un servizio decente ma, a quanto pare, per un reclamo bisogna compilare un modulo e poi forse qualcuno provvede a rispondere all’utenza. La pioggia che viene giù nel pullman  è solo uno dei tanti disagi che i pendolari vivono ogni giorno. Corse sempre super affollate , gente in piedi e odori insopportabili sono delle costanti. L’utenza è stanca e chiede all’ azienda di trasporti di intervenire.

Bisogna toccare il fondo sperando che nel tempo che accada, che la struttura sociale riesca a crescere nella richiesta  politica e culturale e riesca ad attivare strumenti di condizionamento per i decisori politici non più adeguati ai tempi ed alle aspettative di cambiamento”. – spiega Raffaele Spagnuolo,  che viaggia per lavoro ogni giorno.- ” Il sistema dei servizi è una macchina che si è rotta. Il clientelismo e la non capacità manageriale hanno riempito di risorse umane in eccesso e poco qualificate gli enti e le aziende pubbliche e partecipate oltre a sperperare economie in voci di uscite non coerenti al raggiungimento degli obiettivi di efficienza, qualità e sicurezza”.