Tempo di lettura: 1 minuto

Avellino – Rita Coluccino, l’ormai ex candidata alle amministrative di Avellino finita ai domiciliari per droga ha deciso di rispondere alle domande del gip, Marcello Rotondi.

La trentanovenne, difesa dalla penalista Samuele Scardino, e anche il quarantottenne , Luigi Pescatore, difeso dal penalista Nello Pizza, si sono infatti dichiarati estranei alle contestazioni e alle accuse che li hanno coinvolti fra le cinque persone arrestate la scorsa settimana dalla Squadra Mobile della Questura avellinese, guidata da Michele Salemme, dopo oltre un anno di indagine affidata alla sezione antidroga, diretta dall’ispettore superiore Roberto De Fazio. La 39enne, che ha deciso di rinunciare alla candidatura, ha risposto a tutte le domande del giudice. E fatto chiarezza sulle accuse che la riguardavano e che si incrociavano con la pizzeria gestita dal compagno.