Tempo di lettura: 3 minuti

Preoccupazione e rabbia tra i cittadini avellinesi dopo l’ultimo proclama dell’amministrazione comunale sul Tunnel per annunciare che a breve riprenderanno i lavori per il completamento degli ultimi 30 metri che appaiono i più difficili sotto il profilo tecnico. Una notizia seguita dall’altro annuncio e cioè la chiusura per almeno 9 mesi del Ponte della Ferriera come immediata conseguenza della riapertura del cantiere. 

Come a dire, finalmente riprendono i lavori ma vi chiudiamo il Ponte della Ferriera. E proprio a questo intervento che in molti guardano con particolare attenzione ma anche con un poco di paura. Perché la struttura, come vedete dalle immagini, appare in condizioni certo non ottimali. Sotto il ponte si dovrà scavare anche per verificare se ci sono la necessità e l’urgenza di un adeguamento dei sottoservizi e controllare la parte su cui si trova la postazione della Telecom dove sono concentrati cavi elettrici che servono i quartieri di San Tommaso e Rione Mazzini. 

Sconcerto tra gli abitanti della zona, innanzitutto, e a seguire dell’intera comunità avellinese per le ricadute negative che si avranno sulle attività commerciali presenti nella zona e per i disagi indescrivibili che ci saranno a livello di circolazione veicolare in un periodo dell’anno, quello cioè che coincide con lo svolgimento delle attività scolastiche.

Che pensare, che dire, che fare ha sussurrato qualche esercente che se ha retto fino ad oggi alle innumerevoli chiusure di pezzi della strada che dalla discesa delle Poste centrali di Via De Sanctis procede in direzione Via Due Principati e porta verso il Ponte della Ferriera, non esclude che per il prossimo inverno potrebbe essere costretto ad abbassare la saracinesca. Sale il malcontento tra i residenti e i diversi fruitori della zona che, di fatto, si sentono presi in giro da un Amministrazione che cerca di addolcire un disagio che potrebbe essere davvero devastante.
Certo,  i lavori vanno completati – si confrontano tra loro due amici che chiacchierano nei pressi dello storica erboristeria di Lidia Casale – si scambiano domande e si chiedono cosa succederà nel giro di un mese. Intanto l’annuncio della ripresa dei lavori è stato fatto già da una settimana e allo stato il cantiere non è ancora a regime. Un fatto che certo non rassicura e che sfalsa tutti i riferimenti temporali che anche questa volta l’Ente di piazza del Popolo ha cercato di fornire per rassicurare.
Se non riprendono i lavori non si potranno aspettare i 30 giorni di tempo previsti per effettuare gli interventi programmati sul tratto di via Pirrotti nei pressi ella farmacia secondo il crono programma e non si potrà disporre la conseguente chiusura del Ponte della Ferriera.
Ma cercano di trasferire ottimismo, tranne imprevisti, i tecnici del Comune di Avellino che si sbilanciano nell’affermare che entro 365 giorni dalla ripresa dei lavori dovrebbe esserci la consegna del tunnel. Questa volta infatti i lavori riguarderanno anche la restante parte del tunnel lungo 500 metri, vale a dire anche interventi di urbanizzazione, ai marciapiedi, per i pali di illuminazione e per l’asfalto. Dovranno poi seguire le prove di carico e i collaudi statici e saremo in piena campagna elettorale. Un caso? E da domani sul nostro sito la parola ai cittadini in video.