Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – Il direttore sportivo dei lupi, Salvatore Di Somma ha chiarito alcuni aspetti nella conferenza stampa pre Rieti. “Avevamo l’accordo economico per il tesseramento di Antonio Meola – ammette – L’abbiamo valutato per tre settimane e abbiamo ritenuto opportuno tesserarlo. Nella giornata di lunedì il presidente Claudio Mauriello ci ha dato il placet per poterlo tesserare. Nella giornata di martedì mi viene comunicato che aveva la febbre, ma poi il giorno dopo scorgo un video in cui viene presentato al Chieti. Ha fatto un’altra scelta per una società penultima in classifica in Serie D, ma non è assolutamente colpa nostra”.

Di Somma ha chiarito la situazione della valorizzazioni: “L’Avellino ha incassato 200mila euro – dichiara – Questo sarebbe il fallimento del direttore sportivo. Capuano? Fin quando sarò io qui ad Avellino sarà lui l’allenatore. Oggi ricorre un giorno particolare per tutta l’Irpinia, mi torna tutto alle mente. Non è vero che la società è assente, Mauriello è spesso presente qui allo stadio”. Il diesse stabiese chiude con un pensiero sul cambio della guardia all’interno dei quadri dirigenziali dell’Avellino: “Nel caso in cui arrivi Aniello Martone nel ruolo di direttore generale io andrò via. Ho già pronte le valige – aggiunge – Qualunque cosa accadrà il legame e il rapporto che ho con città e Provincia va oltre tutto”.