Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – Dopo una vigilia a dir poco tribolata, l’Avellino di Piero Braglia, va a caccia del tris contro il Foggia. Allo “Zaccheria” i lupi cercano un successo che non arriva da venticinque anni. Stadio che vedrà per la prima volta in questo frangente di stagione i tifosi sugli spalti. Nei giorni scorsi è arrivato il via libera per mille tifosi locali.

Il tecnico toscano dovrà sopperire all’assenza di Silvestri, risultato positivo al Covid-19 martedì sera, a centrocampo e in avanti si ragionerà in ottica mini-turnover. Nel pacchetto arretrato, davanti a Forte, agirà il terzetto formato da Miceli al centro con Dossena e Rocchi da destra a sinistra; a centrocampo nessuno stravolgimento in programma. L’attacco peserà sulle spalle di Fella, confermato dopo la buona prova di lunedì, che agirà in tandem con Santaniello favorito su Bernardotto. Sul versante opposto, Marchionni, dovrà fare i conti con l’assenza di Anelli. In avanti conferme per Curcio e Dell’Agnello.

Foggia-Avellino, le probabili formazioni (fischio d’inizio ore 20.45):

Foggia (3-5-2): Fumagalli; Germinio, Gavazzi, Agostinone; Kalombo, Rocca, Raggio, Garibaldi, Gentile, Di Masi; Curcio Dell’Agnello. A disp.: Di Stasio, Mascolo, Aramini, Pompa, Ndiaye, Garofalo, Morrone, D’Andrea, Tascini, Moreschini, Balde. All.: Marchionni.

Avellino (3-5-2): Forte; Dossena, Miceli, Rocchi; Ciancio, Aloi, De Francesco, D’Angelo, Tito; Fella, Santaniello. A disp.: Pane, Pizzella, Adamo, Maniero, Nikolic, Errico, Silvestri M., Burgio, Errico, Bruzzo, Rizzo. All.: Braglia.

Arbitro: Paolo Bitonti di Bologna. Assistenti: Carmelo De Pasquale di Barcellona Pozzo di Gotto e Roberto Fraggetta di Catania. Quarto uomo: Eduart Pashuku di Albano Laziale.