Avellino, prove di futuro: all’orizzonte l’incontro tra staff tecnico e dirigenza

Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – E’ atteso per la giornata di domani l’incontro tra Gianandrea De Cesare e il duo Carlo Musa e Giovanni Bucaro. Al centro dell’incontro il rinnovo con entrambi, ma soprattutto la programmazione per la prossima stagione. Tra i temi affrontati ci sarà sicuramente modo di parlare della sede del ritiro, che quasi sicuramente non si terrà in Irpinia. Al vaglio dell’Avellino c’è il Trentino Alto Adige, Umbria e Marche.

La società vorrà valutare se inserire o meno una figura di direttore generale. Nei giorni scorsi Bruno Iovino (leggi qui) si era detto disponibile, ma non è il solo profilo vagliato. In attesa di ciò la Calcio Avellino SSD (prossimamente tornerà alla vecchia denominazione) dovrà cominciare a compiere i primi passi per l’iscrizione al prossimo campionato. Il capitolo più spinoso riguarderà la questione stadio “Partenio-Lombardi” con la palla che passerà nelle mani del neo primo cittadino di Avellino, Gianluca Festa.

Il mercato. In attesa dei rinnovi ufficiali, tecnico e direttore sportivo, hanno mosso i primi sondaggi per la composizione della rosa. In cima alla lista dei desideri ci sono  Ivan Varone (’92) del Cosenza, Pietro Ladu (’95) del Lanusei e Giuseppe Caccavallo (’87) di proprietà del Venezia. Nei giorni scorsi l’Avellino aveva monitorato il difensore Ramzi Aya (’90) in scadenza con il Catania. Quest’ultimo però sembra aver imboccato la strada del Pisa neo promosso in Serie B.