Tempo di lettura: 2 minuti

di Marco Imbimbo

L’assise cittadina domani tornerà a riunirsi dopo il flop, annunciato, di venerdì scorso. All’ordine del giorno ci sarà di nuovo il Bilancio con il conto economico e lo stato patrimoniale che andranno alla ricerca dei voti necessari per passare il turno.

Questa nuova convocazione chiuderà il tour de force estivo sul bilancio a cui è stato costretto il Consiglio Comunale. In realtà questi due documenti arrivano in Aula in piena emergenza. Gli atti, infatti, avrebbero dovuto ottenere l’approvazione insieme al Consuntivo 2016, in quanto allegati propedeutici, ma nella sessione pre-ferragostiana non arrivarono in Aula, portando la Prefettura di Avellino a diffidare il Comune: o li approvate entro 20 giorni o avvieremo le procedure previste dalla legge. Questo è stato, in sintesi, il monito arrivato a Piazza del Popolo dalla Prefettura e che ha portato, prima l’amministrazione ad approvare velocemente i due prospetti, e poi a convocare quasi d’urgenza il consiglio comunale.

Domani, inoltre, sarà caccia ai numeri perché, quasi sicuramente e come già successo per il Bilancio, l’amministrazione potrà contare su pochi voti della maggioranza, nonostante sia composta dai due terzi dell’Aula. A conferma di una frattura ormai netta. Non a caso è stata proprio l’assenza di numeri a far saltare, in maniera strategica, la prima convocazione di venerdì scorso.

Saranno anche i numeri inseriti nei due documenti a creare non poche difficoltà all’amministrazione perché l’opposizione è pronta a dare battaglia su alcune cifre che, a detta loro, sarebbero sbagliate o presenterebbero delle anomalie. E’ il caso dello stato patrimoniale dell’ente che al primo gennaio 2016 ammontava a oltre 150 milioni, scendendo a poco più di 40 milioni nella riclassificazione di fine 2016. Secondo l’assessore al Bilancio, Maria Elena Iaverone, la differenza nascerebbe dalle nuove normative sull’armonizzazione contabile che portano a una diversa classificazione dei beni, ma l’opposizione è pronta ad impugnare anche questa dichiarazione.