Tempo di lettura: 3 minuti

AvellinoDopo le tensioni della serata di ieri in consiglio comunale tra parcheggiatori e amministrazione, si è arrivato a un incontro avvenuto questa mattina a Palazzo Città tra una delegazione degli stessi, capeggiata dal presidente della coop City Service Antonio Forte, il sindaco Paolo Foti e il comandante dei vigili urbani Michele Arvonio. Assente al summit l’amministratore unico di ACS Pasquale Greco.
Dopo l’incontro, durato circa un’ora, raggiunge i microfoni della stampa proprio il presidente della coop che spiega ai giornalisti la proposta del primo cittadino verso i parcheggiatori.  “ Il sindaco ci ha proposto di far iscrivere tutti i ragazzi ai servizi sociali – dice –  e che tra venti giorni si farà la gara pubblica. In attesa di ciò, le unità faranno vigilanza, manutenzione e pulizia delle aeree. Sarà mia cura, essendo il presidente, di consegnare i nominativi all’assessore predisposto ma prima devo parlare con i ragazzi perché dovranno essere loro a decidere se accettare o meno queste condizioni “.
Tra venti giorni dunque, dovrebbe essere pubblicato il bando,e stando a queste dichiarazioni i dipendenti non svolgeranno più la mansione di parcheggiatori ma di custodi di area, resta da definire il compenso per chi verrà impiegato nelle aeree. “ Questa fase transitoria non ha avuto ne chiarimenti ne precisazioni – continua Forte – d’altro canto, sarà l’amministrazione a decidere il budget da proporre, perché la gara precedente era antieconomica e assolutamente inadatta considerando che stiamo parlando di 30/35 padri di famiglia e non di ragazzi. Comunque, di tutta questa situazione dovranno prendere atto, fare i conteggi giusti e preparare un bando in base a tutti gli operai che dovranno essere impiegati “.

Secondo il presidente della City Service in undici aeree occorrono almeno 24/25 ragazzi che, ovviamente, hanno diritto a stipendio, contributi e vestiario adeguato per poter lavorare. Inoltre, Antonio Forte si mostra polemico sull’istallazione dei parchimetri. “ La delibera vigente è quella del 1999 – spiega – che prevede l’affidamento dei parcheggi alle cooperative sociali di livello B. Si porti in Consiglio Comunale un’altra delibera che venga accettata e che sostituisca la precedente … dopodichè si potranno prendere altri tipi di provvedimenti. Stando ai parcometri, è stato un errore istallarli perché queste coop sono nate per le aeree chiuse e i ragazzi hanno sempre offerto un servizio di prim’ordine. Mai nessuna denuncia, mai nessuna lamentela … parliamo di brave persone, non di delinquenti “.

Antonio Forte conclude l’intervista chiarendo che valuterà se partecipare o meno al prossimo bando di gara. “ Se ci saranno le condizioni parteciperò, ma se dovessero elaborare una gara come quella precedente non mi converrebbe e quindi desisterò “. Dunque si dovrà attendere la fine del mese per scoprire gli eventuali riscontri, e sicuramente ci sarà un altro incontro tra i parcheggiatori e l’amministrazione comunale.

Michael Mambri