Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – “L’esperienza del girone d’andata dovrà esserci da monito“. E’ un Walter Novellino carico in vista della sfida esterna contro il Brescia. “E’ un ritorno in campo dopo molto tempo, dobbiamo farci trovare pronti – spiega – Affrontiamo una squadra che ha cambiato l’allenatore avrà grande entusiasmo. Boscaglia è un caro amico a cui auguro le migliori fortune, ma dopo di noi”. “Dispiace aver affrettato i tempi per Rizzato, ma ci teneva ad essere in campo. Ma tra una settimana sarà nuovamente in campo”.

In questo girone di ritorno vorrei un pò più di carattere, ma soprattutto di continuità – continua Novellino –  Non dimentichiamoci che abbiamo una squadra giovane, da qui l’esperienza del girone d’andata ci servirà. Io non voglio gente di nome, ma bensì chi conosce la piazza avellinese. Conterà molto la fame. Sceglieremo dei giocatori importanti per il nostro futuro, la società sa di cosa ho bisogno ed ha dimostrato molto disponibilità. Non dimentichiamoci che abbiamo recuperato un giocatore importante del calibro di Gavazzi“.

“Al centro della difesa non mi preoccupo, anzi dimostra di aver voglia di fare. Voglio vedere una squadra ‘incazzata’ – ammette Novellino – Non conta il cambio di panchina in casa dei nostri avversari, ma dobbiamo guardare noi chi siamo. Meritiamo una classifica migliore, sono sincero. Le caratteristiche del Brescia le conosco, anche prima dell’esonero di Marino erano in rosa. Laverone? Sta benissimo, non so ancora se ci sarà dal primo minuto oppure no”.

Tutto cambia dipende dalla testa – spiega – Come ho già detto prima la società si sta adoperando per darci una mano dal punto di vista del mercato”.