Tempo di lettura: 3 minuti

Avellino – Primo turno infrasettimanale del girone di ritorno di Serie D. L’Avellino, reduce dalla doppio successo contro Ladispoli e Albalonga, affronta tra le mura amiche l’Anzio. Il tecnico Giovanni Bucaro dovrà fare meno di Gerbaudo appiedato per un turno dal Giudice Sportivo. Al “Partenio-Lombardi” si gioca alle 15. Concluderà il terzo turno il derby tutto sardo tra Latte DolceTorres alle 20.30. 

Primo tempo. La parta comincia con il primo cambio tra le file degli ospiti. Dentro Pirazzi fuori l’infortunato Minunzio. L’Avellino ci prova al minuto 8’. Tribuzzi innesca Buono, che salta un avversario ma viene anticipato dall’attento Rizzaro. Al 13′, l’Avellino, deve ricorrere al primo cambio. Problemi muscolari per Ciotola dentro Matute con il successivo avanzamento di Da Dalt. Al 19’ triangolazione Da Dalt-Sforzini-Da Dalt, con l’italo-argentino alla conclusione con un diagonale mancino deviato in angolo da Rizzaro. Sugli sviluppi del corner, colpo di testa di Sforzini e palla sul fondo.  Al 26’ arriva l’azione più pericolosa della partita. Ci prova la distanza Pirazzi, ma il pallone colpisce il palo. L’Avellino tira un sospiro di sollievo. Al 35’ l’Avellino sfiora il vantaggio. Sforzini sciupa un’occasione d’oro, calciando addosso a Labate a porta praticamente sguarnita. Gettata alle ortiche l’azione imbastita da Tribuzzi, che aveva servito un gran pallone al compagno. In pieno recupero, al 46′, l’Avellino continua a divorare buone chance per il vantaggio. Tribuzzi crossa troppo forte per Sforzini, che poco prima aveva servito male il compagno.  Al 23’ l’Avellino ci prova con una conclusione dalla distanza con De Vena, ma Rizzaro ci mette i guantoni per neutralizzare il tiro. Al 30’ l’Anzio pericoloso in contropiede. Sterpone, contrastato da Parisi, calcia sull’esterno della rete. Al 32’ viene atterrato Parisi da Giordani: calcio di rigore. Dagli undici metri va De Vena che realizza. 

Secondo tempo. Dentro Omohonria e De Vena per Sforzini e Patrignani. Al 3′, l’Anzio, passa in vantaggio difesa immobile, Florio tutto solo davanti a Lagomarsini. Al 32’ viene atterrato Parisi da Giordani: calcio di rigore. Dagli undici metri va De Vena che realizza. Al 40’ l’Avellino piazza il vantaggio. Cross di Da Dalt per il colpo di testa vincente di Tribuzzi. Avellino-Anzio 2-1.  Nel cuore del recupero arriva il tris dell’Avellino: ci pensa Matute.

Avellino-Anzio 2-1 (al ’45):

Rete: 3’st Florio (Av) 32’st De Vena (Av); 39’st Tribuzzi (Av) 90’st+4 Matute (Av).

Avellino (4-3-3): Lagomarsini; Patrignani (45’st Omohonria), Dionisi, Capitanio, Parisi; Buono (20’st Mentana), Di Paolantonio, Da Dalt (42’st Morero); Tribuzzi, Sforzini (45’st De Vena), Ciotola (13’pt Matute) A disp.: Viscovo, Morero, Mentana, De Vena, Rizzo, Falco, Omohonria, Saporito, Matute. All.: Bucaro.

Anzio (4-3-1-2): Rizzaro, Arena (26’st Buongarzoni), Faiello, Papa, Giordani, Labate, Florio (33’st Santarelli), Sterpone, Ludovisi (15’st Anello), Voltasio (41’st Prandelli), Minunzio (4’pt Pirazzi). A disp.: Trombetta, Fiacco, Pirazzi, Di Magno, Costanzo, Anello, Prandelli, Buongarzoni, Santarelli. All.: Cesarini.

Note: angolo 8-1; recupero: 2’pt – 4’st ; ammoniti: Parisi (Av), Florio, Giordani, Faiello (An)

Arbitro: Salvatore Morabito. Assistenti: Roberto Basile e Luigi Benedetto della sezione di Crotone.