Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – Il Coordinatore Campania del Mid Movimento Italiano Disabili, Giovanni Esposito, con questo comunicato stampa, intende esporre all’amministrazione comunale e al Settore Lavori Pubblici del Comune di Avellino alcune criticità inerenti i bagni pubblici di Piazza Libertà soprattutto quelli destinati agli utenti diversamente abili.

Allo stato dell’arte dell’opera si evidenzia la mancata messa in funzione dell’ascensore necessario ai diversamente abili per poter raggiungere e accedere al piano seminterrato dove si trovano i servizi igienici, non vi è presente un asciugatore mani ne alloggio per rotolo carta asciugamani tantomeno vi è presente dispensa per igienizzante mani, non vi è custodia o sistema video sorveglianza nel corridoio anticamera bagni che garantisca sicurezza all’utenza nell’accedere e nella permanenza all’interno della struttura, alcune pareti all’interno della struttura presentano già carenze strutturali e perdite di umidità, inoltre la porta del wc disabili è priva di maniglione di spinta antipanico a norma necessario a consentire una facile uscita da parte dell’utente.

Vale la pena ricordare che una struttura del genere abbandonata a se stessa potrebbe divenire nel tempo rifugio per senzatetto e si potrebbero verificare situazioni simili già successe in precedenza simili al Mercatone

Per tali ragioni espresse chiedo l’intervento del Comune di Avellino attraverso l’assessorato Lavori Pubblici, nel risolvere le problematiche evidenziate, fermo restando che resto e restiamo ancora in attesa di risposta circa gli interventi richiesti in merito alla realizzazione di pensiline alle fermate dei bus, interventi di adeguamento per maggiore accessibilità al Parco Manganelli, ovvero la realizzazione di bagni accessibili a utenti normodotati e diversamente abili, la realizzazione di parcheggi per disabili collegati alla pista ciclabile e una maggiore regolamentazione di ingressi dei padroni di animali domestici con obbligo di kit necessario alla rimozione di deiezioni canine, infine l’istallazione di ulteriori dog toilette, non dimenticando la richiesta rivolta all’assessorato al commercio in merito all’accessibilità nelle attività commerciali soprattutto quelli con vendita di prima necessità.

Rendere accessibile e a misura di disabile una città è esempio di sensibilità da parte di un’amministrazione  e di un chiaro e significativo rilancio  in termini  di inclusione sociale”.