Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – I crismi dell’ufficialità saranno annunciati nella conferenza stampa di venerdì. Piero Braglia e Salvatore Di Somma continueranno il loro percorso con l’Avellino per la stagione 2021/2022. La truppa irpina, dopo aver raggiunto le semifinali playoff, vorrà migliorarsi per il prossimo campionato. La riconferma di Braglia consolida la volontà del club guidato dalla famiglia D’Agostino di strappare la promozione in Serie B sul campo.

Il tecnico di Grosseto vorrà ripartire dalla seconda parte di stagione. Vale a dire quella squadra con una maggiore quadratura difensiva e con un atteggiamento più spregiudicato in alcune circostanze. Braglia vorrebbe rispolverare il 4-4-2 accantonato in estate per far posto al 3-5-2 o 3-4-1-2. Notoriamente la prima pelle dei biancoverdi, che conferisce alla squadra una sorta di carattere camaleontico, capace di cambiare disposizione in base alle necessità e all’avversario da affrontare. Ovviamente per il ritorno al classico 4-4-2 serviranno nuovi innesti. Sotto questo punto di vista la società ha già messo a disposizione di tecnico e direttore sportivo un budget. Al momento parlare di nomi è presto, o forse no.

I primi passaggi per la prossima stagione riguarderanno i rinnovi. Simone Ciancio, dopo essere stato uno dei protagonisti, merita ampiamente la riconferma. L’esterno la scorsa estate ha firmato un contratto annuale con opzione di rinnovo. Discorso simile in ottica contrattuale tocca da vicino Fabio Tito, Sonny D’Angelo e Francesco Forte. L’Avellino riparte. Riparte con la consapevolezza di sognare in grande.

#Continuità, l’indizio social dell’Avellino per i rinnovi di Braglia e Di Somma