Tempo di lettura: 2 minuti

Per festeggiare la musica, una delle più antiche forme d’arte della storia, il Museo Irpino apre straordinariamente le sue porte al pubblico lunedì 21 giugno 2021 e nello splendido scenario del Carcere borbonico si darà vita ad uno spettacolo di arte e cultura. Due concerti a cura del Conservatorio di Musica di Avellino “Domenico Cimarosa”, una mostra a cura della Biblioteca provinciale S. e G. Capone e una speciale visita alle sezioni del Museo Irpino compongono il vasto programma di questa giornata.

Le attività si svolgeranno sia all’esterno che all’interno della struttura. L’accesso sarà libero ma gli ingressi saranno contingentati nel pieno rispetto delle norme anti-covid vigenti.

PROGRAMMA
h. 10.00 – 13.00 e 17.00 – 20.00
Sezioni del Museo irpino
max 20 persone contemporaneamente

SULLE NOTE DEL RISORGIMENTO
Una visita straordinaria delle sale del Museo con un sottofondo musicale davvero speciale. Da Giuseppe
Verdi a Goffredo Mameli, da Francesco de Sanctis a Michele Pironti, arie e storie sonore di altri tempi
accompagneranno i visitatori alla scoperta dell’800 italiano e non solo.
a cura di Coopculture

h. 10.00 – 13.00
cortile
max 40 persone
FAIRY GUITAR QUARTET
Concerto di chitarre e mandolini a cura del Conservatorio di Avellino Domenico Cimarosa

h. 17.00 -20.00
cortile
max 40 persone
RASSEGNA CHITARRISTI e SOLISTI
Concerto a cura del Conservatorio di Avellino Domenico Cimarosa

h. 18.00 – 20.00
sala espositiva piano terra
max 10 persone contemporaneamente


DAI “MUSICI, CANTORI E SUONATORI” ALLA “SCUOLA MUSICALE DI NAPOLI”
Mostra a cura della Biblioteca provinciale “Scipione e Giulio Capone” di Avellino
Per celebrare questa giornata un’insolita esposizione, alla scoperta della storia della musica, sfogliando le pagine di libri antichi e giornali d’epoca.