- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

“Pensavamo di potercela fare, poi è andata come purtroppo sapete. Abbiamo chiuso questa stagione il 2 giugno con l’uscita dalla semifinale playoff”. Parla così il patron dell’Avellino, Angelo Antonio D’Agostino. “Ci siamo andati vicini, speriamo di riorganizzarci per ripartire l’anno dopo. Siamo qui per ripartire più forti di prima – sottolinea – C’è un po’ di rammarico ma anche tanto entusiasmo. È una stagione che è andata abbastanza vicina al nostro obiettivo. Ripartiamo da dove siamo arrivati, organizzando e puntellando quelle cose che sono mancate nella stagione precedente. Stadio? C’è bisogno di investire e proseguire il cammino. Sullo stadio ho già parlato con il Questore per capire se vi fosse la possibilità di cambiare”.

“Non abbiamo la percezione precisa di dove abbiamo sbagliato. In stagione abbiamo avuto dei cali, soprattutto in casa – continua D’Agostino – C’è stato un problema che la partita tecnica sta analizzando e cercando di puntellare. Mercato? Abbiamo diversi rientri dai prestiti. Abbiamo la necessità di ridurre la rosa. Dovremmo fare una cernita. Il punto fondamentale è capire cosa manca a questa squadra. Ci incamminiamo in un campionato che conosciamo bene”.  “Stimo molto i nostri tifosi, che sono da Serie A  – conclude – Sono delle persone che meritano tanto. Anche loro devono fare la loro parte nella correttezza. La campagna abbonamenti sarà annunciata a breve”.