Tempo di lettura: < 1 minuto

Va completandosi l’operazione di evacuazione cominciata alle 6:30 ad Avellino di circa duemila persone per consentire la rimozione di una bomba inesplosa risalente al secondo conflitto mondiale ritrovata nei mesi scorsi sul greto del torrente Fenestrelle, nella zona est del capoluogo irpino.

Il piano predisposto da Prefettura e Comune interessa i residenti che abitano in un raggio di 300 metri dal luogo di ritrovamento dell’ordigno. Individuate tre aree di attesa e il trasferimento, fino alle 15:00, presso il centro di accoglienza allestito nel campus scolastico di Contrada Baccanico.