Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – La vittoria dell’Avellino contro la Paganese, inevitabilmente, è passata in secondo piano. Il sindaco Gianluca Festa ha avuto un doppio confronto con Luigi Izzo e Nicola Circelli. Quest’ultimo ha avuto modo interloquire con l’imprenditore di San Bartolomeo in Galdo nel ventre del Partenio-Lombardi dopo la partita. Non è un mistero che Circelli, oggi, è stato avvistato sugli spalti insieme all’avvocato Vincenzo Todaro e Giovanni Palma. Quest’ultimo, attuale presidente del Sora in Eccellenza, ma la scorsa estate aveva presentato la sua offerta dopo la nuova affiliazione in Serie D della città di Avellino.

Nel pomeriggio a Palazzo di Città è giunto Luigi Izzo accompagnato da Aniello Martone. L’imprenditore di Montesarchio ha confermato la volontà manifestate nel comunicato di martedì sera (leggi qui). L’eventuale ingresso oppure messa in vendita delle quote ad Angelo Antonio D’Agostino. Quest’ultimo avrebbe manifestato la volontà di acquisire le quote di Izzo, ma al momento manca l’offerta ufficiale. “Izzo mi ha mi ha rivelato che D’Agostino gli ha presentato un’offerta per acquisire il 50%, si attende che venga formalizzata anche a Circelli. Izzo e Circelli hanno dato il loro via libera per la cessione delle loro quote – ammette Festa – Senza dimenticare che c’è un diritto di prelazione da parte degli attuali soci. Al contempo, Circelli, mi ha manifestato la possibilità di andare avanti fino al termine della stagione senza problemi“.

“Sono disponibile a restare in società con D’Agostino che è un imprenditore serio – ammette Izzo – Nel momento in cui dovesse presentare l’offerta e l’assemblea dei soci dovesse confermare questa impasse, farò tutto in modo da far entrare D’Agostino in società”. I tifosi presenti hanno manifestato il proprio dissenso nei confronti di Izzo.