Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – Dopo i veleni del match interno con la Reggina, l’Avellino va a caccia del riscatto contro il Catanzaro. La truppa di Ezio Capuano inaugura oggi il ciclo di tre gare in meno di una settimana tra campionato e Coppa Italia. All’ombra del “Ceravolo” l’Avellino arriverà con il canonico 3-5-2. Fuori dalla lista dei convocati Morero e Carbonelli. Pochi dubbi per Capuano che intende avvalersi degli stessi interpreti del match interno contro la Reggina. In attacco Charpentier è la garanzia assoluto visto i cinque centri stagionali. Al fianco del francese dovrebbe esserci Albadoro.

Sul versante opposto, Grassadonia, dovrà fare i conti con tante assenze. Tecnico che comunque qualcosa rispetto alle ultime due uscite potrebbe cambiare. In particolare, potrebbe essere il turno di Signorini nel triangolo arretrato mentre in mezzo al campo. In avanti favorita appare la coppia FischnallerKanoutè con Giannone e Mangni in rampa di lancio nel caso la disposizione offensiva fosse nuovamente a tre punte.

Le probabili formazioni di Catanzaro-Avellino (fischio d’inizio ore 20.45):

Catanzaro (4-3-3): Di Gennaro; Signorini, Martinelli, Quaranta, Statella; Casoli, Maita, Tascone; Pinna, Kanoutè, Fischnaller. A disp.: Adamonis, Favalli, Nicoletti, Calì, Giannone, Riggio, Elizalde, Figliomeni, Risolo, Nicastro, Mangni, Bayeye. All.: Grassadonia.

Avellino (3-5-2): Tonti; Illanes, Zullo, Laezza; Celjak, De Marco, Di Paolantonio, Micovschi, Parisi; Albadoro, Charpentier. A disp.: Abibi, Petrucci, Njie, Silvestri, De Marco, Evangelista, Alfageme, Rossetti, Karic, Palmisano. All.: Capuano.

Arbitro: Francesco Meraviglia di Pistoia. Assistenti: Marco Della Croce di Rimini e Salvatore Emilio Buonocore di Marsala.