Tempo di lettura: 1 minuto

Nasce ad Avellino la prima web serie noir Hotblade, realizzata grazie al lavoro del regista Luigi Borriello. Si tratta di una serie ispirata alle pellicole poliziesche degli anni ’70, al mondo delle arti marziali (evidente il riferimento al tarantinianoKill Bill) e ai manga giapponesi.

Del resto la formazione artistica di Borriello è proprio quella. Nasce come fumettista per poi specializzarsi come scenografo nei villaggi, dove lavorerà per Alpitour, poi diventare videomaker per Mtv, Class, Frankie Morello, Radio Italia e persino per Eros Ramozzotti.

Il regista irpino ha pensato così di tornare nella tua città d’origine con un progetto unico e ambizioso: una web serie tutta made in Irpinia. La storia di Hot Blade naturalmente non può non essere ispirata a Quentin Tarantino. Così la protagonista (Anna Montella) sembra essere particolarmente vicina alla sua collega più famosa, Uma Thurman.

Tra gli altri attori che partecipano a queste prime due puntate troviamo il ciritico cinematografico Alfonso Perugini, Massimo Borriello, Luigi Borriello, Maurizio Picariello e Dario Ciccarone.