Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – L’Associazione In Ricordo di Lacuna è quest’anno giunta alla quinta edizione del conferimento del Premio Animalista dell’Anno. Malauguratamente quest’anno la premiazione è stata organizzata senza la preziosa presenza della nostra carissima socia Anna Gianello, da tutti conosciuta come nonna Anna, che ci ha lasciati da pochi mesi. A lei rivolgiamo un pensiero colmo di affetto e di gratitudine per quello che ha rappresentato per ciascuno di noi e per quanto ha operato in seno alla nostra Associazione.
Quest’anno abbiamo deciso di premiare Dries Mertens. Il calciatore belga, pur non essendo direttamente coinvolto nella causa animalista, pur non essendo un testimonial ufficiale di nessuna associazione pro animali, si è tuttavia distinto per essersi espresso in gesti di squisita sensibilità nei confronti dei nostri fratelli minori, particolarmente dei cani. In occasione di un goal segnato contro la squadra della Roma esultò facendo finta di alzare la zampa come un cagnolino. In altre occasioni ha invitato tutti a prestare un occhio di riguardo nei confronti dei nostri amici pelosi, incoraggiando all’adozione dai canili, strutture alle quali non ha mancato di distribuire sostentamento sotto forma di cibo. Con questi gesti ha rivelato una grande sensibilità e bontà di cuore che auspichiamo vengano imitate dai suoi giovani e meno giovani ammiratori. È vero che oggigiorno tutti noi abbiamo bisogno di essere stimolati da modelli positivi: Dries Mertens è di certo uno dei modelli migliori da stimare, da seguire, da imitare.