Tempo di lettura: 2 minuti

Atripalda (Av) – E’ il momento di ripartire e per l’Atripalda Volleyball la nuova stagione, che partirà nel post covid, sarà l’anno zero. In seguito alle difficoltà che si sono verificate sia da un punto di vista economico, ma anche di strutture sportiva la società è stata costretta a fare un’ampia riflessione sul futuro e vista la difficoltà nell’effettuare un campionato nazionale di serie B ha deciso di cedere il titolo agli amici dell’ASD Elisa Volley Pomigliano. Una decisione presa a malincuore e sicuramente sofferta ma che ci farà ripartire con un progetto che parta dal basso, con una nuova struttura societaria e soprattutto che metterà al centro il settore giovanile che sarà affidato a tecnici preparati e di spessore.

Comunque va un grande ringraziamento allo staff tecnico, agli atleti e ai dirigenti che in questa stagione hanno dimostrato grande serietà nel difendere i colori biancoverdi dei lupi. Un campionato, quello disputato fino alla sospensione, che vedeva l’Atripalda Volleyball ampiamente salva (sul campo!!!) e che ha raccolto belle soddisfazioni. Questo a dimostrazione del buon lavoro svolto in palestra con impegno e dedizione grazie a mister Francesco Racaniello nonostante le mille difficoltà. A loro va un forte in bocca al lupo per la prossima stagione e il futuro.

Un ringraziamento va agli sponsor che ci sono stati sempre vicini aiutandoci a portare avanti un idea, un progetto e un sogno nel cuore di tutti noi. E speriamo nella loro vicinanza anche in questa nuova fase di ripartenza. La nostra idea è quella di aprire nuove collaborazioni, con altre società in modo da riuscire a creare qualcosa di importante e duraturo nel tempo. Da soli non si va da nessuna parte, l’unione fa la forza. Ora però bisognerà prima capire come si evolverà la situazione delle palestre che non è chiara soprattutto per chi come noi svolge attività in strutture scolastiche. Il nostro obbiettivo e ripartire con forza garantendo sicurezza in primis agli atleti e nel pieno rispetto dei protocolli che la nostra federazione ci imporrà.