Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – “Sono un avellinese doc ed è un grande orgoglio aver centrato questa promozione in Lega Pro dopo un campionato così impegnativo, Complimenti al Lanusei che si è battuto fino all’ultimo”, afferma festante Claudio Mauriello, Presidente dell’Avellino, fresco di promozione dopo aver vinto lo spareggio contro i sardi domenica. 

Oggi c’è stato l’incontro delle 9 squadre neo-promosse (Lecco, Como, Arzignano Valchiampo, Pergolettese, Pianese, Cesena, Avellino, Picerno e Bari) avvenuto nella sede fiorentina della Lega Pro per il benvenuto da parte del Presidente Francesco Ghirelli e per offrire tutte le informazioni necessarie per l’iscrizione al campionato, accompagnando i club nella nuova realtà. Un vero servizio di formazione a cui il Presidente Ghirelli tiene moltissimo: “La Lega Pro è una famiglia ambiziosa e nel prossimo campionato i nostri dogmi saranno identità, regole e sostenibilità economica. Noi siamo la Lega dei pulmini,  quelli che trasportano ragazzi per avviarli al gioco del calcio e, contemporaneamente, per toglierli dalla strada. Deve esserci il cambio di cultura nel calcio italiano: fuori i banditi, dentro i virtuosi. Dal male del mancato rispetto delle regole, abbiamo tratto energie per darci gli strumenti per voltare pagina. Ora la parola passa agli altri. Ci vogliono le risorse finanziarie necessarie, ad iniziare dalla defiscalizzazione per accompagnarci nei nostri obiettivi, in particolare la mission dei giovani. Ogni euro sarà per fare formazione e per strutture sportive per i giovani calciatori. Anche perché l’anno prossimo si prospetta un campionato avvincente con tante piazze importanti”.

Come, appunto, quella di Avellino, abituata a palcoscenici prestigiosi. Ancora il presidente Mauriello: “I nostri tifosi sono da serie A e anche per questo abbiamo dato il massimo impegno, sul campo e fuori. Ringrazio il Presidente Ghirelli per la svolta iniziata con il Presidente Gravina e il Vice-Presidente Cosimo Sibilia. Le regole del calcio devono essere riscritte, perché lo sport deve essere al servizio dei tifosi”.