Tempo di lettura: 3 minuti

Avellino – Termina l’avventura playoff dell’Avellino. Il Padova si impone con il punteggio di 1-0 dopo il gol siglato nel primo tempo da Della Latte.

Primo tempo. All’annuncio delle formazioni Braglia preferisce Adamo a De Francesco e rilancia Forte, Illanes, Aloi e Fella, tutti titolari. Al 7’ brividi in area biancoverde sugli sviluppi di un corner. Il pallone si impenna, poi Forte cade a terra colpito da un attaccante del Padova. L’arbitro ferma tutto e concede punizione ai lupi. Il Padova ci prova al 10’ con Chiricò, ma Dossena sbroglia la matassa. Al 13’ Scintille tra Dossena e Hraiech. Il centrocampista del Padova stende Dossena e lo scalcia, involontariamente, a terra. Il difensore reagisce male, l’arbitro interviene e riporta la calma. Il Padova passa in vantaggio al 28’. Della Latta porta in vantaggio i biancoscudati. Ancora una volta fatale un calcio d’angolo. Un rimpallo in area premia Della Latta che scarica in porta di prima intenzione e batte Forte. Autentico miracolo di Forte al 38’. Ronaldo affonda in area come la lama di un coltello nel burro, poi calcia in maniera sporca. Grande intervento con i piedi di Forte, che salva l’Avellino. L’ultima azione è un brivido per l’Avellino. Fallo di Dossena su Ronaldo. Quest’ultimo ci prova, ma Forte chiude lo specchio della porta. Termina la prima frazione di gioco con il punteggio di 1-0 per il Padova.

Secondo tempo. Dentro Errico, fuori Laezza. Avellino in campo con il 4-3-1-2. Incredibile chance per Chiricò, che si ritrova di fronte a Forte dopo un rimpallo fortuito. Il trequartista preferisce scartare il portiere dei lupi che in presa bassa gli agguanta il pallone e salva l’Avellino. Al 7′ Dossena impatta di testa sul cross di Tito dalla bandierina, Dini respinge, poi Illanes commette fallo in attacco. Prima chance per i lupi. Spinge l’Avellino al 15’. Ottima combinazione Tito-Maniero, l’attaccante ci prova dalla distanza. La palla termina alta. Brivido per il Padova.

Il tabellino:

Rete: 28’pt Della Latta (P)

Avellino (3-5-2): Forte; Laezza (1′ st Errico), Dossena, Illanes (33′ st Miceli); Rizzo, Adamo (39’st Bernardotto), Aloi, D’Angelo (33′ st De Francesco), Tito; Fella (21′ st Santaniello), Maniero. A disp.: Pane, Leoni, Rocchi, Silvestri L., Baraye, Silvestri M., Bernardotto. All.: Braglia.

Padova (4-3-2-1): Dini; Germano (16’st Pelagatti), Kresic, Rossettini, Curcio; Hraiech (43’st Andelkovic), Della Latta, Halfredsson; Ronaldo (29’st Vasic), Paponi (16’st Nicastro), Chiricò (29’st Jelenic). A disp.: Vannucchi, M. Mandorlini, Jelenic, Biancon, Vasic, Firenze, Biasci, Andelkovic, Nicastro, Pelagatti, Bifulco, Ejesi. All.: A. Mandorlini.

Arbitro: Colombo della sezione di Como. Assistenti: Garzelli della sezione di Livorno e Barone della sezione di Roma 1. Quarto ufficiale: Natilla della sezione di Molfetta.

Note: spettatori 1000. Ammoniti: Rizzo, Illanes, Ronaldo, Dossena, Hraiech, Maniero, Aloi, Chiricò, Rossettini, Vasic. Angoli: 6-5 per l’Avellino.