Tempo di lettura: 5 minuti

Avellino – Si sono accesse le luci su tutta la città e il Natale ad Avellino ha preso vita. Un gioco di colori e suoni per le festività sta attraversando Corso Vittorio Emanuele dove, probabilmente, qualcosa di troppo c’è. Il Mercatino di Natale che accompagna tutto il percorso da Viale Italia e fino a Piazza Libertà e ci sta. Illuminato l’Albero di Natale, che da quest’anno ha visto la partecipazione della Sidigas che con il suo contributo ha donato il simbolo del Natale agli avellinesi; accese le luminarie quelle da cielo e quelle posizionate sull’asfalto; allestiti piccoli  angoli destinati a momenti di socializzazione e di divertimento per i più piccoli. La città si è trasforma come d’incanto in un piccolo villaggio di Natale.

Un colpo d’occhio  l’albero di 18 metri ubicato in Piazza Libertà che non passa inosservato; auto che si fermano, bambini con gli occhi spalancati . Sarà un segnale positivo?

E, cosa più importante, con l’avvio ufficiale del Natale sembra regsitarsi un certo movimento nei negozi. Primi segnali di ripresa, attesi soprattutto dagli esercenti, per l’economia cittadinia che sembra rivitalizzarsi almeno in queste settimane e prima dell’avvio dei saldi.  Shopping natalizio con la festa dell ’Immacolata che segna  la corsa ai regali. Negozi aperti anche di domenica. Ma non tutto appare filare liscio come l’olio.  Non stanno mancando le polemiche soprattutto quelle dei residenti e dei commercianti delle zone periferiche che ancora una volta si sentono esclusi. A lamentarsi sono quegli esercenti che hanno le loro attività lungo strade escluse  dagli allestimenti natalizi.  Come quelli di Via de Conciliis dove, si è appreso solo ieri, non ci saranno luminarie in contrasto con quanto è invece stato fatto al Corso. Questi commercianti lamentano di sentirsi trattati come categoria di serie B. A criticare l’operato di Piazza del Popolo anche i cittadini. “ Gli addobbi del Corso hanno realizzato un vero e proprio gran bazar– commenta qualche passante – C’ è di tutto e di più. Tra poco  mancherà lo spazio destinato ai pedoni. Anche l’albero pensato nei toni della modernità e quindi semplicemente illumitato non trasmette emozioni. E come al solito il Mercatino non è rispondente del tutto alle tipicità natalizie e in alcuni casi è fuori tema completamente” – spiega un’altra residente.

Oltre alle polemiche Avellino non si è fa mancare nulla. Anche la satira ha preso  piede con l’iniziativa di un gruppo di utenti della rete che con apposita pagina su facebook denominata “Tutt’ apposto”ironicamente ha confezionato un pacco regalo. Come? Trasformando il cubo di Piazza Libertà in un enorme regalo di Natale da consegnare forse all’amministrazione targata Paoli Foti. Il cubo è stato rivestito con 16 metri di carta rossa tipicamente natalizia. Lo scherzo però ha avuto breve durata. I Vigili Urbani,non appena hanno capito che il pacco regalo non faceva parte del cartellone di Natale, hanno provveduto a scartarlo .

Tra gioie e polemiche è stato intanto approvato il programma di Natale, stilato dall’assessore alla Cultura Bruno Gambardella dal titolo“Avellino Città Natale 2017”.  Una rassegna che vede la partecipazione di artisti locali e associazioni culturali. Fino al 6 gennaio 2018 tante le  iniziative per trascorrere momenti di serenità.

Si comincia domani, 9 DICEMBRE con la   presentazione del libro di Raffaele Stella “ La taglia del distacco” presso la Chiesa del Carmine dalle ore 17:30. Interverranno i critici letterari prof. Armando Saveriano e professore Alessandro di Napoli. Ta i momenti più significativi del cartellone quelli  del 15 DICEMBRE con  l’associazione ‘Bucaneve’ che propone presso la Chiesa del Carmine alle ore 17.30  il laboratori artistico “Spazio alla creatività” con attività ludico ricreative per adulti e bambini con letture ad alta voce di fiabe sul natale; il 16 DICEMBRE sempre l’associazione ‘Bucaneve’ propone  presso la Chiesa del Carmine alle ore 17.30  la manifestazione culturale dal titolo “ Aspettando il Natale! tra arte, poesia e gusto” …pensieri sotto l’albero con la partecipazione di adulti e bambini; il 17 DICEMBRE la “ Compagnia de lì Cunti “, gruppo amatoriale di teatro terrà presso la Cattedrale di Avellino alle ore 19:00 lo spettacolo dal titolo “ Caro Totò, pienzaci tu…”; il 22 e 23 DICEMBRE; l’associazione “ Nel Segno dell’arte” allestirà presso la Chiesa del Carmine dalle ore 16:00 alle 20:30 una mostra di opere pittoriche dal titolo “Natale ad Arte” collettiva di circa 15 quadri eseguiti da artisti campani,  ispirate ai colori e simboli del Natale; il 23 terrà, invece, un laboratorio creativo “ Una Ghirlanda di Natale” aperta alla partecipazione di adulti e bambini; il 23 DICEMBRE ‘Concerto di Natale’ a cura della Corale del Duomo alle ore 19:00 presso il Duomo di Avellino; il 28 DICEMBRE l’associazione ‘Irpinia Art Music Academy’ alle ore 18:00 presso la Chiesa del Carmine terrà il concerto “ Magie di Natale”, la tradizione musicale di Natale in chiave moderna: il 6 GENNAIOl’associazione Zenit 2000 presenta il “Gran Concerto della Epifania” eseguito dalla ORCHESTRA SINFONICA di PLAVODAR – KAZAKISTAN con la direzione del maestro Massimo Testa presso la Chiesa di La Salette ore 11.30 e successivamente presso la Chiesa del Carmine alle ore 19:30; e dal 2 al 6 gennaio il Presepe vivente itinerante organizzato dalla Pro loco Avellino al Centro storico.

 Ed è tornata anche per questa edizione 2017 l’iniziativa “Il Pino irpino” tra gli appuntamenti più attesi. E’ partita stamattina la carovana dei giovani volontari che attaverseranno un percorso di 907 chilomentri tra i 118 comuni della provincia per raccolgliere pastori per il presepe, palline e decorazioni per il pino e dolciumi. Prima tappa ad Ariano iprino, si proseguirà domani alla volta  di Sant’Angelo dei Lombardi e domenica di Volturara.