- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

“Mi preme ringraziare la società per la fiducia, ma soprattutto per aver apprezzato il mio lavoro e quello dello staff. Dobbiamo ripartire da ciò che abbiamo fatto di buono”. Parla così il tecnico, Michele Pazienza. “Quando ci siamo incontrati con la proprietà è stata analizzata anzitutto la stagione – continua –  Cosa migliorare e dove intervenire. Ci sono delle situazioni in cui io stesso devo lavorare meglio. Bisogna analizzare tutta la stagione e le caratteristiche dei calciatori”. “Non ho ancora smaltito la rabbia – analizza Pazienza  – Voglio portarla con me, perché voglio trasmetterla ai calciatori del nuovo Avellino. Guiderò la squadra sulla scorta dell’esperienza assimilata nella scorsa stagione. Non perderò energie su altre situazioni. Terrò il focus sul nostro percorso”.

“Quando si parla di un Avellino più spregiudicato non sono io a renderlo più spregiudicato, ma le caratteristiche e le situazioni della partita – afferma Pazienza –  Per la prossima stagione voglio ripartire dalle ultime partite di campionato dove si è vista quell’intensità che a me piace. Il modulo sarà il 3-5-2 con caratteristiche che possano darci la possibilità di cambiare anche a gara in corso“. E sui giocatori prossimo al rientro, Pazienza dice: “Su qualcuno ho le idee chiare e ho già comunicato alla società la mia volontà – afferma il trainer – Chi verrà dal mercato dovrà accettare il progetto dovrà venire con la fame giusta che questa piazza cerca. Servono caratteristiche diverse che possano darmi la possibilità di modificare l’assetto e allo stesso tempo anche la strategia”