Tempo di lettura: 2 minuti

 

Benevento – “Il compito della Regione è rimuovere gli ostacoli e far correre l’agricoltura della Campania”. È l’impegno che il consigliere regionale Franco Alfieri ha preso oggi pomeriggio di fronte all’assemblea plenaria dei dirigenti di Coldiretti di tutta la Campania, che si è tenuta presso la sala Vetrone della federazione provinciale di Benevento, alla presenza del presidente regionale Gennarino Masiello, del direttore regionale Salvatore Loffreda e dei direttori provinciali.

Il consigliere Alfieri ha recepito le istanze presentate da Coldiretti e anticipato altrettante scelte. La prima riguarda i progetti sui bandi PSR bocciati per rigidità burocratiche. Come ha ricordato il presidente Masiello, bocciare un progetto significa bocciare un sogno di un imprenditore agricolo e un’occasione di sviluppo per il territorio. Alfieri ha annunciato l’impegno dell’assessorato a finanziare tutti i progetti validi in fase di riesame, perché l’obiettivo della Regione è “spendere al meglio tutta la dotazione finanziaria”.

La seconda questione riguarda l’UMA, ossia le assegnazioni di gasolio agricolo. La situazione – ha ricordato Masiello – è diventata insopportabile per i ritardi accumulati, in una stagione molto difficile da un punto di vista climatico e in pieno lavoro per le aziende. Una vicenda che potrebbe essere gestita con semplicità dai centri di assistenza agricola è diventata un’odissea che mette a dura prova gli agricoltori. La risposta di Alfieri non si è fatta attendere. Ha riconosciuto l’insostenibilità della situazione per un servizio che dovrebbe essere gestito “come fare un caffè”. Ha invitato i tecnici regionali presenti a mettere subito in campo ogni azione utile per correggere gli errori di impostazione di un sistema informatico con troppi difetti, e a riportare l’assegnazione dei libretti nell’ordinario. Infine il braccio destro del governatore De Luca per l’agricoltura ha anticipato che martedì andrà in giunta una delibera per la dichiarazione di stato di calamità per la persistente siccità. Tra le conseguenze di questo provvedimento ci sarà l’incremento del gasolio agricolo per facilitare l’irrigazione.