Tempo di lettura: 4 minuti

Benevento – Raffaele Amore sarà ancora, per quattro anni, il presidente della Cia di Benevento. Questo il risultato dell’assemblea provinciale dell’organizzazione sannita che quest’oggi ha visto al Teatro De Simone di Benevento riuniti i delegati designati dai congressi zonali delle scorse settimane.

L’assemblea ha inoltre eletto all’unanimità i delegati al congresso regionale di Napoli del prossimo 7 febbraio, la nuova direzione e la nuova giunta provinciale.

Ad aprire i lavori congressuali era stato proprio la relazione di Raffaele Amore, presidente uscente e candidato unitario. A seguire i saluti delle tante autorità presenti in platea. Dal prefetto di Benevento Paola Galeone al questore Giuseppe Bellassai, dal sottosegretario di Stato Umberto Del Basso De Caro al consigliere regionale Mino Mortaruolo. Ed ancora il consigliere provinciale Renato Lombardi, i sindaci di Benevento Clemente Mastella, di Sant’Agata de’ Goti Carmine Valentino, di Frasso Telesino Giuseppe Di Cerbo e di Campoli Monte Taburno Tommaso Nicola Grasso. Presenti inoltre i rappresentanti delle associazioni di categorie, delle istituzioni locali, del mondo accademico e dell’associazionismo.

Il congresso ha rappresentato un importante momento di confronto. Ampio il dibattito che registrato numerosi interventi. Tra questi, quelli del presidente regionale e vicepresidente nazionale Alessandro Mastrocinque e del direttore nazionale della Cia Rosanna Zambelli.

La Cia nei quattro anni passati – ha spiegato il neo presidente Raffaele Amore ad Anteprima24- è stata una Cia che è cresciuta nei suoi numeri, e questo ci dà forza per poter avanti le nostre battaglie e le nostre prerogative, sia per l’agricoltura sannita che quella campana. Il nostro obiettivo deve essere, per i prossimi quattro anni, quello di dare più forza alle aree interne perché solo in questo modo noi riusciremo ad evitare lo spopolamento delle nostre terre.

L’agricoltura non è certo la panacea di tutti i mali, ma è quell’elemento che negli anni della crisi ha tenuto di più. E sono molti i giovani che stanno investendo in questo settore. Allora noi dobbiamo creare la giusta interlocuzione con le istituzioni e la società per aiutare tutti quei giovani che vogliono restare qui ed investire nel comparto agricolo”.

“L’innovazione e la sostenibilità – ha sottolineato il neopresidente della Cia di Benevento – sono due elementi dove il nuovo imprenditore che oggi entra a far parte del settore agricolo deve tenere come stella polare. Non è più possibile immaginare una agricoltura che non sia innovativa e sostenibile. Uno dei punti di forza dell’agricoltura sannita, visti anche i trend positivi degli ultimi anni, è il biologico. Le nostre colline e le nostre montagne si prestano, naturalmente all’agricoltura biologica e noi dobbiamo puntare a questo settore per promuovere un comparto biologico sannita”.

 

I nomi di eletti e delegati.

L’assemblea ha votato il nuovo direttore provinciale, indicando all’unanimità il nome di Alfonso Del Basso, e la nuova Giunta provinciale eletta sempre all’unanimità e che sarà composta da Raffaele Amore (presidente), Giuseppe Pica (vicepresidente), Liana Agostinelli (vicepresidente), Carmine Fusco (vicepresidente), Gianni Belperio, Cinzia Iannotti, Luigi Rubano, Nunzia Veronica Iannelli.

All’unanimità anche l’elezione della nuova Direzione provinciale: Raffaele Amore, Raffaele Lombardi, Maria Assunta Orsino, Cinzia Iannotti, Luigi Rubano, Marcello Della Rosa, Carla Rosa Gisondi, Pasquale Vitelli, Nunzia Veronica Iannelli, Dante Leppa, Giuseppe Pica, Eduardo Masone, Nicolino Masone, Donato De Marco, Concetta Rapuano, Carmine Fusco, Erminio De Duonni, Mario Martone, Carmela Circelli, Maria Teresa Vignona, Eliseo Calabrese, Antonietta Anna Esposito, Liana Agostinelli, Luigi Luongo, Gianni Belpiero, Enzo Pacca, Antonio Oropallo, Alfredo Di Rubbo, Giacomo Simone e Pasquale D’ambrosio.

I delegati al congresso regionale in programma a Napoli il prossimo 7 febbario saranno invece: Raffaele Amore, Raffaele Lombardi, Cinzia Iannotti, Giovanni Baccalà, Marcello Della Rosa, Carla Rosa Gisondi, Nunzia Veronica Iannelli, Giuseppe Pica, Donato De Marco, Concetta Rapuano, Carmine Fusco, Carmela Circelli, Maria Teresa Vignona, Eliseo Calabrese, Gianni Belpiero, Antonio Oropallo, Franco D’Elia, Matteo Formato, Nicolino Masone, Pasquale Spitaletta, Alfonso Del Basso, Raffaele Concia, Carmine Massaro e Antonella Cappella.