Artigianato del Sannio in bellavista: Cna Campania Nord dopo Ravello mira a nuove mete

Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – La Cna Campania Nord è riuscita nell’intento di offrire cornici importanti all’artigianato locale: quelle di Ravello e del turismo della Costiera Amalfitana.

L’occasione: la manifestazione Astri ed Estri all’interno della notte “Calici di Stelle”, dello scorso 12 agosto. Tantissime persone hanno potuto apprezzare quanto esposto in una ambientazione raffinata, originale, pensata in ogni più piccolo dettaglio. 

“Il lavoro è stato duro – ha affermato Annarita De Blasio, direttore della CNA sannita -. Abbiamo voluto contaminare, realizzare performance coordinate tra le varie espressioni artistiche scelte: musica, ceramica, moda, profumi, tessuti, gioielli, interior design e oggettistica. Non abbiamo creato suddivisione come un evento fieristico, ma unione tra tutte le professionalità”. 

La Confederazione nazionale della Piccola e Media impresa, ora, forte del successo del format, ha deciso di replicare con altre, future tappe.

“Quello che speravamo si è verificato: dalla ceramica, tradizionale e sperimentale, fino alla presentazione degli abiti e dei gioielli scultura abbiamo studiato l’ambientazione, Ravello e la Costiera, creando, sul luogo prodotti artigianali, forti della tradizione dell’entroterra, ma contaminati dalla ambientazione marina. Le aziende non hanno proposto quanto già in dotazione ma hanno studiato cosa offrire. Grande spazio è stato pure dato all’artigianato sociale”.

Annarita De Blasio ha in mente come promuovere ulteriormente lo sviluppo del comparto artigianale sannita: “La CNA Campania Nord unisce tre realtà: Napoli, Caserta e Benevento. Ognuna ha una sua identità fortissima: basti pensare, solo per citarne alcuni, al corallo, all’arte orafa, alla sartoria, alle sete di San Leucio, all’arte presepiale e alla ceramica. Perché non inanellare queste perle campane per creare qualcosa di ancor più prezioso? Investimenti di questo tipo aiutano le piccole e medie imprese creando vetrine tanto importanti quanto non immaginate in precedenza”.