Tempo di lettura: 2 minuti

Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza di un beneventano che ringrazia l’associazione diabetici Italia Meridionale:

“Grazie ad uno screening vascolare gratuito con il professore Bruno Amato, presso l’AsDim del presidente Annio Rossi (in foto), ho scoperto situazioni importanti sulla salute di mia suocera, V.L. di 85 anni. Premetto che, nel 2012, aveva già subito un intervento cardiologico. Prima di sottoporsi alla visita con il professore Amato – afferma la nuora  – mia suocera aveva sostenuto i soliti controlli di routine presso una struttura sanitaria in provincia di Benevento, sottoponendosi a una visita cardiologica e ad alcuni esami specifici. Sentendo i dottori che l’avevano visitata, in un primo momento sembrava che non vi fosse alcun problema. La sorpresa, però, arrivò dopo la visita con il professore Amato, il quale chiese a mia suocera se avesse mai avvertito dei capogiri o se le fosse mai capitato di dimenticare alcune cose. Il motivo di questa domanda era semplice, in quanto, mia suocera aveva due carotidi otturate al 70 e al 30%. A questo punto, il professore Amato chiese di fare una Tac e, dopo una seconda visita,  mia suocera fu ricoverata presso il Policlinico Federico II di Napoli.  La cosa che mi ha colpito tantissimo, oltre alla bravura del professore, è stata la sua umanità. Ha seguito mia suocera dal ricovero fino alle dimissioni. In meno di una settimana è stata operata e dimessa. Voglio ringraziare l’associazione diabetici Italia meridionale che, attraverso eccellenze in campo medico, come quella del professore Bruno Amato, dà la possibilità di poter effettuare screening gratuiti di vario genere, soprattutto in un momento di grande difficoltà socio-economica, amplificato in maniera notevole dalla grave situazione pandemica”.