Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Avanti tutta. Almeno si spera. La campagna vaccinale prosegue a gonfie vele nel Sannio e si auspica che sia così anche nell’immediato futuro. Sul banco degli imputati è salito nuovamente il siero anglo-svedese AstraZeneca. I quesiti che si sono sollevati negli ultimi giorni sono tanti e tutti meriterebbero risposta. Come si andrà avanti? Come si procederà con chi ha già fatto la prima dose?

Domande alle quali prova a rispondere il direttore generale dell’Asl Benevento Gennaro Volpe: “La Regione Campania ha posto un quesito al Ministero della Salute, aspettiamo di sapere cosa fare con gli under 60 che devono fare il richiamo, mentre per gli over 60 andremo avanti come pianificato, facendo il richiamo con AstraZeneca“.

Il governatore Vincenzo De Luca, nel frattempo, si è detto contrario al ‘mix‘ di vaccini ma il rischio è gettare al vento i passi in avanti mossi negli ultimi mesi. La campagna vaccinale ha infatti subito una forte accelerazione e adesso si teme una brusca frenata che potrebbe far saltare piani e aspettative.

Abbiamo persone che si avviano a scadenza del loro percorso vaccinale. Se non ci saranno altre indicazioni, per quelli che si troveranno tra l’80° e l’82° giorno dalla prima somministrazione procederemo con Pfizer. Viceversa si bloccherebbe il ciclo vaccinale e perderemmo il lavoro fatto in precedenza“, prosegue il direttore generale dell’Asl sannita, “per le persone per le quali sono passati 70 giorni dal vaccino aspetteremo ulteriori indicazioni. Purtroppo siamo consapevoli che potremo andare incontro a un rallentamento“.

Una preoccupazione dettata anche dalle possibili rinunce che potrebbero registrarsi. “Certo la pubblicità negativa e una comunicazione inefficace non ci agevolano“, ha concluso Volpe, “nei prossimi giorni avremo i primi riscontri, già dal 16 giugno sono in convocazione le persone che dovranno sottoporsi alla seconda dose. Nel Sannio, comunque, la gente ha sempre risposto bene, quando abbiamo fatto gli open day di Pfzier a Napoli non c’era nessuno mentre qui siamo arrivati a mille vaccinati in un solo giorno“.