Tempo di lettura: 2 minuti

Una negoziazione alta alla ricerca di un candidato rappresentativo di tutti. Sia per l’Ato Rifiuti che per la Provincia di Benevento”.

E’ Umberto Del Basso De Caro a lanciare la proposta che potrebbe sparigliare le carte in tavola in vista degli appuntamenti elettorali in programma il 28 settembre e il 31 ottobre. Nel primo caso saranno i 12 consiglieri dell’Ambito Rifiuti a riunirsi per eleggere il presidente; nel secondo toccherà a tutti i sindaci e consiglieri dei 78 Comuni beneventani recarsi al seggio per individuare il successore di Claudio Ricci.

Una riflessione, quella del deputato Pd, mossa da una semplice constatazione: “L’unità del Partito Democratico non è sufficiente a governare né la Provincia né l’Ato Rifiuti. Serve dunque ragionare in termini diversi, probabilmente ricercando intese di tipo istituzionale, molto più ampie”.

Per me, – prosegue De Caro – bisogna dare spazio al civismo. Ci sono tantissimi amministratori che non hanno partito ma sono stati eletti in liste civiche. Sindaci, assessori e consiglieri che alle ultime politiche non hanno partecipato, se non con il loro voto, e il cui elettorato si è rivolto magari proprio al Movimento Cinque Stelle. Sarebbe miope, in questa situazione, ridurre il tutto alla necessità di compattare il partito. Certo che lo ricompattiamo, ma per fare che? Non abbiamo i numeri per vincere alla Provincia o per determinare l’Ato”.

E quindi? Per De Caro la strada da seguire è chiara: “Dobbiamo evidentemente fare delle alleanze. Ma non penso a un accordo tra partiti bensì a una alleanza civica tra amministratori. Questa la mia opinione e l’ho già espressa al gruppo dirigente del Pd. Così come dico pure che sono assolutamente indifferente a negoziazioni tra partiti. Credo che siano sbagliate. Forse accontentano il designato ma scontentano tanti altri aspiranti. Vale per noi come per Forza Italia”.

Una negoziazione più alta – la conclusione di Del Basso De Caro -, volta a ricercare un candidato espressione di tutti, potrebbe aiutarci ad affrontare bene queste due vicende”.