- Pubblicità -
Tempo di lettura: 3 minuti

“Dobbiamo continuare a combattere, dobbiamo presentare i ricorsi”. L’ex presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico, ospite questo pomeriggio al Convegno dell’Usb a San Nicola Manfredi, ha ribadito la sua ferma posizione di contrasto rispetto all’autonomia differenziata  che il Parlamento  ha nei giorni scorsi approvato in via definitiva. Il punto di attacco particolare riguarda la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni, cioè la quantificazione delle risorse pubbliche per e ciascuna Regione al fine di garantire eguale qualità dei servizi pubblici su tutto il territorio nazionale. La mancata qualificazione potrebbe determinare delle sperequazioni tra le regioni del nord e quelle del sud Italia. Uno dei leader del Movimento 5 Stelle ha invitato alla lotta, ma nel corso del convegno e stata  espressa indignazione e rabbia per il decesso di Satnam Singh, il cittadino indiano morto a seguito di un incidente sul lavoro in un’azienda agricola a Latina. Si chiedono pene certe per i responsabili della tragedia e soprattutto della mancanza di soccorso per il povero lavoratore sottopagato, di fatto uno schiavo. Le multe non bastano. 

Giovanni Venditti, responsabile del sindacato dell’Usb,  ha attaccato: ” quello che accade in questo paese è di una  gravità inaudita. Non s può uscire per il lavoro e non tornare più a casa. Non è ammissibile che nessuno paghi per questi omicidi”. Servono pene certe” . Nel corso di questo pomeriggio tre sono i temi portati in discussione: il  salario, la  sanità e le pensioni:  “abbiamo voluto delle piattaforme rivendicative. Il nostro sindacato si è battuto per la stabilizzazione dei lavoratori  per il personale Ata e i lavoratori Rsu ora dobbiamo vincere una nuova battaglia quella dei contributi per questi lavoratori. E’ incredibile non abbiano un riconoscimento pensionistico”. Fico nel suo intervento sul tema della Autonomia si è detto convinto: “Ammazza di fatto la nostra Repubblica  e uccide il Mezzogiorno. E’ un attacco contro il sud .  Ci sono contraddizioni peraltro all’interno della maggioranza , lo stesso presidente della Calabria che pria era un fattore ora dice che è sbagliato.  Il paese non può riconoscere questa sfida ” Fico a margine del Convegno ha dichiarato di essere soddisfatto dell’esito dei ballottaggi: “è un bene che ci sono sindaci che si oppongono all’autonomia differenziata  Hanno programmi e cultura diversa da questa destra”. Sulla condizione attuale del Movimento 5 Stelle, l’ex presidente della Camera ha affermato: “occorre lavorare e rimboccare le maniche. Dobbiamo costruire lavorare e capire  le cose da fare . Da una sconfitta ci si può rialzare e andare avanti nel momento migliore”