Tempo di lettura: 4 minuti

Benevento – Sei gol e tante grandi giocate. La Nazionale italiana femminile fa il pieno di enrtusiasmo al Ciro Vigorito proseguendo spedita la sua marcia verso gli Europei del 2021. Le azzurre (nell’occasione in maglia verde), hanno sconfitto in goleada la Georgia ottenendo la quinta vittoria in cinque gare nel proprio raggruppamento. Il pubblico di Benevento ha risposto in maniera forte, soprattutto grazie alla presenza di tanti bambini delle scuole calcio della provincia, pronti a liberare la propria esultanza ad ogni gol.

Il primo boato si è udito fortissimo al 10’, quando Elena Linari ha depositato in rete il corner dalla sinistra di Valentina Cernoia sbloccando la partita e lanciando le azzurre verso altre marcature. Sette minuti dopo, al 25’, ci pensa poi Alia Guagni a firmare il raddoppio sfruttando l’assistenza di una caparbia Sabatino, brava a rubare palla all’altezza del versante destro dell’area piccola e a crossare al centro per l’accorrente compagna. Passano 180 secondi e arriva il 3-0 di Gorelli, che si libera al tiro e prende in controtempo Gabunia. Alla mezz’ora cerca gloria personale anche Martina Rosucci che colpisce la parte alta della traversa poco prima dell’uscita dal campo dal capitano Sara Gama, fermata da un problema fisico e sostituita da Laura Fusetti. L’Italia alza il ritmo approfittando di una Georgia in totale confusione e mette a segno altre due reti nel giro di quindici minuti. Al 32’ Sabatino cala il poker ribadendo in rete una respinta centrale di Gabunia, chiamata al grande intervento da una conclusione da fuori di Galli. Al 45’, sul gong della prima frazione, è ancora Sabatino ad andare in gol per la doppietta personale con un tacco sontuoso che beffa la numero uno georgiana e si prende gli applausi convinti del Ciro Vigorito.

Si va all’intervallo nel migliore dei modi, ma al rientro dagli spogliatoi le azzurre mostrano la solita fame. Del resto, vista la formula (si qualifica la prima di ciascun girone, le migliori seconde vanno ai play off), la differenza reti potrebbe rappresentare un fattore decisivo nel duello per la leadership con la Danimarca. L’atteggiamento convinto trova conferme concrete al 6’, quando Rosucci mette a segno il 6-0 traducendo in rete una palla vagante nel cuore dell’area ospite. Due minuti più tardi Girelli colpisce in pieno la traversa strozzando in gola l’urlo per una possibile doppietta. Nei successivi venti minuti un po’ di imprecisione e tanta sfortuna impediscono all’Italia di andare nuovamente a segno. Le azzurre restano addirittura in dieci al 72’ a causa dell’infortunio di Guagni – che ha lasciato il campo in stampelle – con i tre cambi già esauriti dal Ct Bertolini. L’inferiorità numerica costringe l’Italia ad abbassare inevitabilmente il ritmo della manovra nel finale, senza correre tuttavia alcun rischio. L’estremo difensore Giuliani è risultata infatti inoperosa, vista l’inconsistenza offensiva delle avversarie di turno.

Si chiude con l’applauso convinto del pubblico presente, estremamente soddisfatto per la prestazione delle ragazzi di Milena Bertolini. Un 4-3-1-2 a trazione anteriore, quello messo in campo dal ct, capace di coniugare la fantasia di Manuela Giugliano e la tecnica delle calciatrici offensive a un’ottima solidità di difensori e centrocampisti. Il prossimo appuntamento è per martedì 12 a Castel di Sangro contro Malta. 

Italia-Georgia 6-0

Italia (4-3-1-2): Giuliani; Guagni, Gama (30’pt Fusetti), Linari, Bartoli; Rosucci (63’ Caruso), Galli, Cernoia; Giugliano; Girelli, Sabatino (54’ Salvatori Rinaldi). A disp. Aprile, Piazza, Marinelli, Tarenzi, Boattin, Glionna, Tucceri Cimini, Greggi. C.t.: Milena Bertolini.

Georgia (5-4-1): Gabunia; Pasikashvili, Kalandadze, Sutidze, Tatuashvili, Raikh; Bakradze, Todadze, Matveeva (72’ Cheminava), Tchkonia (54’ M. Danelia); Chichinadze (85’ N. Danelia). A disp. Sukhashvili, Gabelaia, Kadagishvili, Chkhartishvili, Danelia, Cheminava, Tsotseria, Khaburdzania. C.t.: Levan Bajelidze.

Arbitro: Iuliana Elena Demetrescu (Rom)

Assistenti: Iugulescu-Tepusa (Rom)

IV Ufficiale: Trandafir (Rom)

Reti: 10’Linari, 25’ Guagni, 28’ Girelli, 32’ Sabatino, 45’ Sabatino, 51’ Rosucci