Tempo di lettura: 2 minuti

Vitulano (Bn) – Si riducono le restrizioni e si torna alla quasi normalità e con essa i progetti sul territorio partiti e costretti al periodo di fermo causa Covid. Nell’ultimo anno infatti, il turismo si è praticamente azzerato, ma non la speranza di risorgere e di associare i prodotti tipici al turismo sannita.

Tra le produzioni di rilievo in territorio sannita c’è sicuramente l’olio extra vergine di oliva, prodotto candidato alla denominazione dell’IGP che ha da sempre caratterizzato l’economia del territorio di cui sono noti i principali caratteri salutistici e organolettici. Ma quanto si conoscono in realtà? A questa risposta è stato creato l’anno scorso il laboratorio didattico dell’olio extra vergine di oliva per bambini e per adulti: degustazioni, corsi di assaggiatore dell’olio extra vergine di oliva, abbinamenti ai piatti, conoscenza delle numerose varietà autoctone e come gestirle e coltivarle. Per bambini un piccolo laboratorio come un frantoio in miniatura, in modo da capire come si arriva alla resa dell’olio dalla coltivazione dell’ulivo. Ieri infatti, la scuola primaria di Vitulano ha raggiunto l’antico monastero delle maestre pie filippini nella storica via Fuschi di sopra in Vitulano dove è presente il laboratorio didattico ed è stata effettuata la visita guidata.

I bambini, cominciando dalle olive, hanno visto come si arriva alla produzione della pasta di olive, per poi diventare sansa che, una volta pressata, dà origine ad acqua ed olio. Questa pasta viene successivamente centrifugata per separare l’olio dall’acqua; a questo punto, è stata fatta una degustazione di pane ed olio appena separato e sono state visitate le antiche vasche in pietra scolpite a mano, dove veniva conservato l’olio dall’epoca dei romani fino al primo dopoguerra.

La sinergia tra i prodotti tipici e il territorio è sicuramente la chiave per lo sviluppo delle aree interne, considerato che si parla sempre più spesso di turismo gastronomico e soprattutto di oleoturismo”. Con queste parole il promotore del progetto, l’agronomo Sebastian Limata, in collaborazione con il portale turistico “Puglia Campania”, il forum giovani di Vitulano e la guida all’olio extra vergine d’oliva nazionale “olitaly.it” nata anch’essa a Vitulano, faciliteranno la presenza di turisti sul territorio sannita.