Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Non manca moltissimo alla quarta edizione del Bct, il festival del Cinema e della Televisione di Benevento (dal 28 luglio al 3 agosto) e già esserci è una grande notizia dopo tutto quello che c’è stato, e non va mai dimenticato, nei mesi scorsi. La pandemia ha messo in seria difficoltà ogni iniziativa, almeno quelle che prevedano un assembramento tra le caratteristiche principali.

L’organizzazione, dopo un periodo di ovvia destabilizzazione, alla fine è riuscita a creare comunque il proprio evento. Non c’è da aspettarsi ciò che si è vissuto nelle precedenti edizioni, le restrizioni rimangono e sarà importante farle rispettare per evitare problemi e polemiche, quindi bisogna ridurre ogni rischio al minimo. E allora ecco che viene fuori il primo antipasto il Drive In con lo schermo installato a Piazza Pacca. Appuntamenti nel week end per vedere una serie di film al chiuso delle proprie auto, una novità che ha avuto un riscontro non ancora valutabile.

Ancora un paio di weekend, con tutta probabilità, e poi si passerà al festival vero e proprio. La prima novità, già annunciata, è che tutto si svolgerà in un’unica location. C’è grande riserbo sui nomi. Si conosce l’evento di chiusura, il concerto di Max Gazzè, e si sa che ci sarà Carlo Verdone a mettere la parola fine al festival. Per il resto si lavora di supposizioni anche se qualche rumor inizia a prendere una forma più concreta. Dovrebbe tornare Marco D’Amore per celebrare l’Immortale, la pellicola che ha svelato come riprenderà la serie Gomorra.

Prevista una serata a tema nella quale si parlerà della lotta contro la criminalità organizzata e dovrebbero esserci specialisti della materia e attori che hanno vestito panni di personaggi immersi in questo aspetto.

Altra voce di possibile ospite della manifestazione è quella legata a Fabio Balsamo. Probabile che dica poco come nome, ma vederne il volto ne svela il successo: si tratta di uno dei componenti dei The Jackal, diventati famosi per gli sketch su Youtube nei quali interpretava l’uomo che subiva gli effetti di Gomorra sulla gente e ora personaggi noti anche nel mondo della televisione.

Due nomi in un cartellone che sarà presentato, con tutta probabilità, a metà di luglio. Quello sarà il momento nel quale si alzerà il sipario e si conosceranno gli ospiti dell’edizione 2020, quella che di sicuro sarà ricordata per molto tempo.