Tempo di lettura: 4 minuti

Benevento – Un derby bello e vibrante, sulla quale è apposta la firma dei fratelli Insigne. Se lo aggiudica il Napoli che sbanca Benevento in rimonta grazie alla rete decisiva di Petagna. Una sconfitta immeritata per i giallorossi di Inzaghi, che hanno tenuto testa a una corazzata. Il rammarico, probabilmente, è legato alla decisione di passare troppo presto alla difesa a tre, al cospetto di una squadra dagli enormi mezzi tecnici. Il Napoli, di contro, ha regalato mezz’ora agli avversari correndo il serio rischio di veder sfumare i tre punti. 

La partita – Moduli confermati per entrambi gli allenatori. Inzaghi conferma dieci undicesimi di Roma, sostituendo solo l’infortunato Iago Falque con Roberto Insigne. Sfida in famiglia perchè Gattuso recupera Lorenzo, mandando in campo il capitano dal primo minuto. Niente turnover per il tecnico partenopeo, nonostante gli impegni incombenti di Europa League.

La gara scivola via sui binari dell’equilibrio, ritmi alti e fiammate improvvisiate sul manto del “Vigorito”. La prima è di marca ospite e fa urlare al gol i tifosi azzurri ma Osimhen insacca partendo da posizione di fuorigioco. Il Benevento non sta a guardare e Roberto Insigne non sfrutta a dovere una bella percussione sulla sinistra di Foulon. Il giovane belga è protagonista anche sul fronte opposto, il contatto in area con Lozano genera le proteste partenopee ma direttore di gara e var non intervengono. Alla mezz’ora si consuma la vendetta di Roberto Insigne. Manolas stoppa il primo tentativo di assist di Lapadula, l’attaccante riprende palla e offre al compagno di reparto un pallone da spedire di sinistro alle spalle di Meret. E’ la prima gioia in serie A proprio contro la squadra del cuore e che lo ha lasciato partire con destinazione Benevento. Trovato il gol, l’undici di Inzaghi tira il fiato e il Napoli ne approfitta. Al 38’ occasione per Ruiz, lo spagnolo controlla in piena area non riuscendo però a inquadrare lo specchio della porta. Spingono gli azzurri e Montipò deve volare sulla propria sinistra per deviare in angolo la conclusione a giro di Lorenzo Insigne. Poco dopo tira un sospiro di sollievo il portiere giallorosso quando la palla calciata da Lozano viene deviata da Caldirola e si stampa contro il palo esterno. Sul successivo angolo tremano ancora i legni della porta beneventana. Corner di Mario Rui e terzo tempo perfetto di Manolas, la deviazione di testa del greco timbra la traversa a Montipò battuto. L’intervallo arriva in soccorso della Strega, dopo un altro pericolo portato alla porta giallorossa da Lorenzo Insigne.

Il ritorno negli spogliatoi non spegne l’impeto del Napoli. Al ritorno in campo serve ancora un intervento di Montipò per cancellare il pareggio dopo un colpo di testa di Mertens su angolo di Mario Rui. La rete è nell’aria, la realizza Lorenzo Insigne sfruttando un errore di Dabo ma il var cancella anche questa per fuorigioco. Fiuta il pericolo Inzaghi, correndo subito ai ripari con l’inserimento di Tuia e il passaggio alla difesa a tre. Fuori Caprari che non gradisce il cambio. Le mosse di SuperPippo non pagano. Al quarto d’ora Lorenzo Insigne estrae dal cilindro una conclusione a giro di sinistro, la sfera bacia la traversa e varca la linea bianca per il pareggio partenopeo. Il pari non basta agli uomini di Gattuso, a un passo dal sorpasso ancora con Insigne. E’ solo questione di attimi, perchè sul successivo sfondamento di Politano sulla sinistra, Petagna non perdona piegando le mani di Montipò.  Prova a cambiare ancora Inzaghi e nel finale spaventa il Napoli. Mario Rui si immola su un colpo di testa a botta sicura di Maggio ma in pieno recupero Politano scheggia l’incrocio dei pali. All’ultimo secondo è la traversa a salvare il Napoli sulla punizione di Sau. Finisce così, col successo in rimonta e di misura degli azzurri.

Benevento-Napoli 1-2

Reti: 30’pt Insigne R., 15’st Insigne L., 22’st Petagna 

Benevento (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Glik, Caldirola, Foulon (19’st Maggio); Dabo (19’st Improta), Schiattarella, Ionita; Caprari (8’st Tuia), Insigne R. (32’st Di Serio); Lapadula (19’st Sau). A disp.: Manfredini, Lucatelli, Basit, Tello, Viola, Hetemaj, Pastina. All.: Filippo Inzaghi

Napoli (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Bakayoko (29’st Demme), Ruiz (42’st Lobotka); Lozano (13’st Politano), Mertens (13’st Petagna), Insigne L. (42’st Ghoulam); Osimhen. A disp.: Contini, Ospina, Malcuit, Maksimovic, Hysaj, Rrhamani. All.: Gennaro Gattuso

Arbitro: Daniele Doveri di Roma 1 

Assistenti: Domenico Rocca di Catanzaro e Salvatore Affatato di Vco

Quarto uomo: Ivano Pezzuto di Lecce

Var (AVar): Paolo Valeri di Roma 2 (Matteo Passeri di Gubbio)

Ammonti: Caprari, Foulon, Glik per il Benevento, Politano per il Napoli 

Note – Recupero: 1’pt, 6’st