Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Personale della Squadra Volanti – Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Benevento, nel corso di un servizio finalizzato al controllo del territorio e alla repressione dei reati predatori, nella mattinata odierna ha sorpreso in flagranza di reato due minorenni napoletani che dopo aver simulato un incidente stradale hanno richiesto dei  soldi ad un ignaro automobilista che transitava nei pressi di via Ponticelli.

La vittima, un cittadino sannita di 41 anni, verso le ore 10.00  mentre era alla guida della propria autovettura, è stato  affiancato da una FIAT Tipo di colore grigio con a bordo i due minori che lo hanno subito falsamente accusato di aver urtato la loro auto provocando dei danni allo specchietto.

Al malcapitato è stato poi proposto di risolvere l’episodio con il risarcimento di una somma di denaro in contanti, al fine di riparare il danno.

Insospettito dalla giovane età del conducente e del passeggero, invece di cadere nel raggiro, l’uomo ha chiamato il 113 per richiedere l’intervento della Polizia, provocando in questo modo la rapida fuga dei  due giovani.

Grazie ad un’immediata e mirata perlustrazione che ha richiesto l’impiego di diverse pattuglie presenti sul territorio, la FIAT Tipo in questione è stata rintracciata nei pressi della casa circondariale di Capodimonte, dove i due giovani nel frattempo si erano recati insieme ad una parente per una visita ad un detenuto.

Condotti in Questura, gli stessi sono stati deferiti alla Procura dei Minorenni: il sedicenne che era alla guida, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato denunciato per tentata truffa e collocato in una comunità per minori, mentre il dodicenne che lo accompagnava è stato riaffidato alla famiglia.