Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – La Uil Avellino/Benevento rende noto che a luglio 2018 gli occupati sono diminuiti dello 0,1% (-28.000 unità) rispetto al precedente mese di giugno, in cui già si era registrato un calo di 41mila unità. Lo rileva l’Istat, precisando che il calo riguarda solamente le donne e si concentra tra le persone di 15-49 anni. In flessione i dipendenti con contratto stabile (-44 mila), mentre crescono lavoratori a termine e indipendenti (entrambi +8 mila). Malgrado il calo di giugno e luglio 2018, nel trimestre maggio-luglio gli occupati sono aumentati di 151 mila unità (+0,7%). A luglio il tasso di occupazione è al 58,7%. Aumentano gli inattivi (+89mila in un mese).

Per la Uil la situazione occupazionale si muove ancora in maniera altalenante. Siamo in presenza di segnali di miglioramento complessivo nel lungo periodo, come dimostra il dato tendenziale di crescita dell’occupazione, ma con oscillazioni congiunturali variabili visto il calo dell’occupazione tra giugno e luglio 2018. È significativo il riscontro della forte flessione delle persone in cerca di occupazione, mentre permane preoccupazione per la vistosa crescita dell’occupazione a termine rispetto ai rallentamenti di quella a tempo indeterminato, dati che sembrano testimoniare ancora un basso livello di credibilità della ripresa del sistema economico-produttivo da parte delle aziende. Il dato sulla crescita dell’occupazione condotta per fasce di età degli occupati, mostra come il mercato del lavoro sembra continuare a investire maggiormente su profili di lavoratori con esperienza acquisita. Segnali di ripresa anche sul fronte giovani, che vedono ridurre la quota di coloro che sono alla ricerca di un’occupazione. Continua, ormai da troppo tempo, a essere sofferente la fascia 35-49 anni.

In questa fase di seppur debole ripresa – dichiara Fioravante Bosco (Uil Av/Bn) – sono necessarie politiche attive efficaci che consentano un miglior matching domanda-offerta di lavoro. Al contempo, occorre continuare a investire nella formazione continua e negli Istituti tecnici superiori mirati alle effettive esigenze delle imprese”.