Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Bus arancione, il bus della Libertà è tornato in Campania, a Napoli e ad accoglierlo nel capoluogo di regione anche rappresentanti di associazioni e organizzazioni di Benevento. “Noi per la Famiglia”, il “Comitato Difendiamo i Nostri Figli”, e “Gioventù Nazionale” nella persona del rappresentante provinciale Domenico Giglio.

Come a settembre, quando ha girato l’Italia per ribadire che le bambine sono femmine ed i bambini maschi anche questa volta ha portato nelle strade della nostra regione un messaggio semplice: “non confondete l’identità sessuale dei bambini”.  Questa volta, dopo l’esperienza del sindaco napoletano che aveva revocato l’autorizzazione alla sosta del bus poche ore prima del suo arrivo, è stato deciso da CitizenGo e Generazione Famiglia, promotori dell’iniziativa di non comunicare nemmeno al Comune l’arrivo, perché non si chiede l’autorizzazione a manifestare a chi non ha senso democratico.

Anche a Napoli sono distribuiti i Manuali per Genitori Protagonisti nelle Scuole e come a Reggio Calabria e a Catania, sono state invitate le famiglie a mettersi in rete per controllare cosa entra nelle scuole.