Tempo di lettura: 2 minuti

Campoli del Monte Taburno (Bn) – Di seguito una nota stampa di Salvatore Caporaso, candidato sindaco nel comune di Campoli Monte Taburno per la lista “Campoli è Futuro”.

Di comune accordo con il resto del gruppo, abbiamo voluto proporre l’idea del Programma Elettorale “partecipato”.
Da diversi giorni, grazie al contributo di tanti sostenitori ed amici, stiamo lavorando con grande impegno alla stesura del Documento che presenteremo alla comunità campolese quanto prima. Ma la nostra idea non è quella di redigere il canonico “libro dei sogni”. Quello che vogliamo è un Documento Governativo “partecipato”, per questo motivo vogliamo coinvolgere nella sua elaborazione ogni singolo cittadino.
Vogliamo, quindi, lanciare un appello alla comunità, perché idee, progetti, suggerimenti, proposte, devono venire da tutti. Il nostro primo intento è stato quello di coinvolgere il popolo e dare ad esso il giusto ruolo che merita. Questa comunità cinque anni fa ha consegnato l’amministrazione della cosa pubblica ad un gruppo di persone che per una intera legislatura non ha saputo gettare le basi per la soluzione di alcun questione. Lasciano in eredità il nulla, anzi siamo costretti a fare i conti con una cattiva gestione di governo capace di accrescere i problemi ed in molti casi addirittura di generarli.
Noi vogliono, insomma, una gestione dell’ente, trasparente e condivisa, ecco perché ci rivolgiamo a imprenditori, tecnici, genitori, associazioni, giovani, agricoltori, commercianti, pensionati, liberi professionisti, insomma ad ogni singolo componente della società civile affinché possano dare il proprio contributo di idee e permettere a Campoli di ESSERE FUTURO. Ci vuole il CORAGGIO di tutti per CAMBIARE in meglio questo nostro amato paese”.
Invitiamo i cittadini ad interloquire tramite le varie possibilità poste a disposizione: mail, [email protected]; messenger e Facebook, ricercando Campoli è Futuro; contattando il sottoscritto oppure i primi sette candidati consiglieri (Giusy Pesce; Anna Caporaso; Enrico Macrì; Nicola Lanni; Arcangelo Pacillo; Ernesto Iadanza; Lucio Cioffi)”.