Tempo di lettura: 3 minuti

Montesarchio (Bn) – Capone & BungtBangt tornano con due live ricchi di energia e contenuti. Sono i fondatori italiani della junk music, o musica ecologica, e i loro strumenti realizzati con materiali riciclati sono simbolo di creatività a costo zero: non c’è persona che non resti affascinata dalla Scopa Elettrica, una comune scopa con un elastico che suona come una chitarra elettrica, o dalla Buatteria, la batteria realizzata con bidoni di plastica e metallo dal suono anche più innovativo della batteria convenzionale. Il concerto di Capone & BungtBangt è una vera iniezione di energia positiva.

Due gli spettacoli inseriti nel cartellone del Campania Teatro festival 2021 diretto da Ruggiero Cappuccio: 
Giovedi 19 Giugno presso l’Anfiteatro di Avella (Av)
Giovedi 24 giugno presso Piazza umberto I di Montesarchio (Bn)
Inizio ore 21:00 biglietti euro 8,00 intero – euro 5 ridotto 

Con la regia di Raffaele Florio la band capitanata da Maurizio Capone propone due spettacoli dal titolo “Come suona il caos” una pièce musicale con i maggiori successi dello storico collettivo di musicisti eco-ambientalisti.

Un ritorno alla vita, è questa la sensazione che abbiamo nel tornare a fare concerti. Non a caso si dice “suonare dal vivo”, e noi saremo vivi come non mai. – dichiara Maurizio Capone – “Abbiamo lavorato tanto a questo nuovo concerto con l’obbiettivo, e la speranza, di poter fare un lungo tour. Saranno due concerti nei quali vogliamo ritrovare il contatto tra le nostre canzoni e la nostra anima da performer concependoli come una festa dove tutti si potranno divertire in modo spensierato e consapevole. Vogliamo che il pubblico assista a qualcosa di unico che solo noi con le nostre caratteristiche possiamo creare. Sarà la nostra firma su un’estate di rinascita che auguriamo a tutta l’Italia ed all’intero pianeta!”. 

Al Campania Teatro Festival è in programma anche lo spettacolo ‘Mio figlio sa chi sono’ di Paolo Coletta e Silvana Totaro con Gea Martire, la regia di Paolo Coletta e l’aiuto regia di Serena Marziale. Prodotto dalla Golden Show srl in collaborazione con Koan Concept House, lo spettacolo debutterà il 16 giugno alle ore 21 al Teatro Naturale di Pietrelcina a Benevento

Interno disabitato di un appartamento alto-borghese. A un anno dalla morte del figlio avvenuta proprio in quella casa, Nicole torna per incontrare l’amico di una vita che inspiegabilmente l’ha convocata lì. I due si sono persi di vista dal giorno della tragica scomparsa del ragazzo.

L’uomo tarda ad arrivare, così dalle stanze vuote riaffiora il ricordo di un anno prima, quando la donna si era ritrovata costretta a condividere quelle stanze con il suo unico figlio. Dopo un violento scontro, in cui apprese che il giovane sapeva tutto di lei, Nicole si convinse che il figlio la volesse ricattare rivelando al padre tutti i suoi segreti.

Ritorna così a quando aveva cominciato sin da bambina ad allenare il suo azzardo identitario, ricomponendo il puzzle di una vita attraversata con la freddezza di una giocatrice abituata a vincere.

Travestimenti, doppie e triple vite, la cultura come arma per essere inclusa, il sarcasmo corrosivo verso la retorica dei valori e dei sentimenti. Ma c’è un nodo, un elemento che a poco a poco rischia di far saltare il banco: le parole pronunciate allora dal figlio la mettono a distanza di un anno di fronte a un dubbio. E se il ricatto fosse stata solo la proiezione di un suo desiderio? Un desiderio perverso, certo.

Di sicuro, la morte del figlio per overdose sembrò in quel momento restituire alla donna il suo equilibrio esistenziale. In realtà, niente sarebbe stato più come prima. Oggi, adesso, in quello stesso appartamento, l’amico di una vita per la prima volta si fa aspettare e sta facendo sempre più tardi.