Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – E’ terminata nel carcere di Benevento la protesta di una novantina dei detenuti della Casa Circondariale, che si rifiutavano di tornare nelle celle. Spiega Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe: “Un consistente numero di detenuti hanno inteso manifestare, a nostro avviso pretestuosamente, sulle condizioni di detenzione e, in particolare, sulle modalità di svolgimento dei colloqui, assicurati comunque a tutti nonostante le limitazioni legati all’epidemia Covid 19. La protesta è per fortuna rientrata pacificamente ma sono stati momenti ad alta tensione gestiti al meglio dal Personale di Polizia Penitenziaria in servizio”.
Per il leader del Sappe “ormai è un bollettino di guerra: servono interventi urgenti e strutturali che restituiscano la giusta legalità al circuito penitenziario intervenendo in primis sul regime custodiale aperto. Ogni giorno nelle carceri italiani succede qualcosa, ed è quasi diventato ordinario denunciare quel che accade tra le sbarre“, afferma Capece. “La quotidianità professionale del Corpo di Polizia Penitenziaria non si contraddistingue affatto per violenza ma per operatori della sicurezza che sanno conciliare invece le attività di polizia con quelle di trattamento rieducativo. Ogni giorno giungono notizie di eventi critici tra le sbarre ed aggressioni a donne e uomini del Corpo in servizio negli Istituti penitenziari del Paese. E’ mai possibile che nessuno, al Ministero della Giustizia e al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, abbia pensato di introdurre anche per la Polizia Penitenziaria ed i suoi appartenenti strumenti come quelli in uso a Polizia di Stato e Carabinieri, ossia taser e spray al peperoncino?”.