Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Aperto stamattina il “paniere alimentare” presso l’ex Scuola Allievi Carabinieri di Benevento, al Viale degli Atlantici. L’iniziativa di solidarietà si inquadra nel contesto degli aiuti per chi versa in condizioni di particolare difficoltà e di bisogno, a causa della pandemia da coronavirus.

La Caritas e gli stessi Carabinieri, con il supporto della Conferenza Episcopale Italiana e di numerose Aziende locali, tra le quali Tenuta La Fortezza, una delle aziende del gruppo facente capo a Enzo Rillo, hanno avviato la distribuzioni di generi alimentari. 

Sono oltre 600 le persone che hanno ottenuto il “paniere“: le domande sono state superiori al numero atteso, segno evidente di quanti versano in croniche condizioni di bisogno. A questi, inoltre, se ne sono aggiunti molti altri che non sono più in grado di portare a casa un pasto, avendo perso il lavoro a causa del blocco di tutte le attività non ritenute necessarie.

La riapertura della ex Scuola Allievi per la distribuzione dei panieri era stata sollecitata dalla stessa Caritas ed aveva trovato immediata adesione da parte dell’Arma. Il paniere resterà aperto sino a sabato per poi riaprire martedì prossimo.

Il direttore Don Nicola  De Blasio  ha sottolineato: “Ha messo in moto molte persone: cittadini, associazioni, esercizi commerciali e aziende. L’ex Scuola allievi Carabinieri è stata riaperta per solidarietà e ne siamo contenti. Abbiamo creato un paniere alimentare per tutte quelle fasce di persone che, per problemi burocratici, venivano escluse da ogni beneficio. Nessun voucher, qui avviene solo la distribuzione di prodotti di prima necessità. E’ un modo migliore per regolamentare e avere ordine. Stanno rispondendo in tanti, anche persone che sono entrate in difficoltà dopo la diffusione del coronavirus. Questa è una situazione emergenziale e nessuno si deve vergognare nel chiedere aiuto“.

Il Capitano dei Carabinieri, Vincenzo Falce, ha sottolineato il momento di difficoltà che sta affrontando l’intera comunità di Benevento. “Per alcuni nuclei familiari, l’emergenza ha aggravato una situazione già di per se difficile. L’attività sta andando molto bene”, ha chiosato Falce.