- Pubblicità -
Tempo di lettura: 3 minuti

Nessun passo indietro sulla Caserta-Benevento, su cui la Lega è determinata a far pesare il suo ruolo di forza di governo nazionale con un ruolo fondamentale nelle Infrastrutture. Piuttosto c’è stato, evidentemente, qualche dubbio della Regione Campania che non ha segnalato l’intervento quale particolarmente prioritario a Mit e Anas per il contratto di programma 2021-2025. Grazie al cielo, l’impegno politico per la realizzazione della Caserta-Benevento continua senza alcun tentennamento: Matteo Salvini è la massima garanzia contro l’Italia dei no”. Così Luigi Barone, responsabile nazionale Coesione Territoriale e Zes della Lega Salvini Premier a proposito della Caserta-Benevento. “Il progetto tecnico di fattibilità economica è stato completato con il dibattito pubblico, ora bisogna procedere, per il primo lotto Marcianise-Paolisi, con l’acquisizione dei pareri per un intervento che nella sua interezza costerà circa un miliardo e 600 milioni di euro. Per cui si tratta di un’opera infrastrutturale molto importante”, prosegue Barone che chiarisce: “Il progetto è complesso, dovrà essere sottoposto alle procedure autorizzative che coinvolgono gli enti competenti di livello nazionale e locale: nuova procedura presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per l’acquisizione del parere; conclusione della verifica preventiva dell’interesse archeologico presso la Soprintendenza Archeologica di Caserta e Benevento; valutazione di impatto ambientale con il coinvolgimento del Ministero della Transizione Ecologica e del Ministero della Cultura oltre alla Regione. Al termine dell’iter sopracitato si procederà con la Conferenza di Servizi decisoria per la localizzazione dell’opera pubblica di interesse statale il che comporta anche l’approvazione delle necessarie varianti degli strumenti urbanistici (attualmente nessuno dei Puc dei comuni interessati dall’intervento prevede la realizzazione della nuova variante della SS7) e l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio. Concluso tale iter, purtroppo non velocissimo, il progetto verrà approvato in linea tecnico ed economica da parte di Anas ed ottenuti i finanziamenti necessari per il primo lotto che ad oggi non sono presenti, il progetto verrà avviato a procedura di appalto come previsto dal nuovo Codice dei Contratti Pubblici. Dunque, le procedure tecnico-burocratiche vanno avanti, l’impegno c’è e seguiremo tutte le evoluzioni. E poi è indispensabile chiarire, per evitare confusioni, che le risorse finora appostate riguardano esclusivamente la fase progettuale perché i finanziamenti vengono concessi una volta processate tutte le fasi autorizzative al fine di non stanziare fondi per opere non definitive e realizzabili”. Per Barone “ora l’obiettivo è di avviare ulteriori fasi con l’aggiornamento del contratto di programma che si farà tra fine anno e marzo 2025 con la speranza, però, che la realizzazione della strada sia prioritaria anche per la Regione Campania”.  A seguire il dirigente salviniano afferma: “La Lega ritiene la Caserta-Benevento assolutamente strategica e necessaria per collegare due province e per consentire a Valle Caudina e Valle Suessola, ovvero ad un’area di trenta comuni e di quasi 200mila abitanti, di uscire da un isolamento stradale che attualmente impedisce normali collegamenti, anche con il capoluogo di regione, in tempi congrui. Con la nuova strada si decongestionerebbe il traffico pesante, si abbasserebbero i livelli di incidentalità, si migliorerebbero le condizioni di vita nei centri abitati e l’accessibilità al territorio, ovviamente aumenterebbe la competitività territoriale grazie a una migliore rete infrastrutturale che fornirebbe un’adeguata arteria stradale alle zone di sviluppo industriali nate nell’ultimo ventennio”, conclude il dirigente della Coesione Territoriale della Lega Salvini Premier.