- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

E’ una giornata decisiva per il loro futuro quella che attende Gaetano Letizia, Enrico Brignola, Francesco Forte e Christian Pastina, giallorossi o ex giallorossi che dovranno rispondere dinanzi alla sezione Disciplinare del Tribunale Federale Nazionale sulla vicenda del calcioscommesse che li vede coinvolti. L’inchiesta sportiva ha preso il via qualche mese fa dopo le indagini svolte dalla Procura di Benevento che avrebbero fatto emergere la presunta responsabilità dei quattro calciatori. L’udienza si sarebbe dovuta svolgere lo scorso 20 giugno, poi rinviata ad oggi su richiesta di alcuni legali per consentire la presenza in aula dei propri assistiti e non da remoto. Difficile prevedere quali saranno questa mattina le mosse dei difensori dei quattro che hanno scelto in passato una linea di condotta diversa da seguire. Pastina e Forte, attraverso i loro avvocati, avevano presentato istanza di patteggiamento per ottenere una riduzione della eventuale sanzione del 50%, ma all’epoca tale richiesta fu respinta dal Procuratore Federale. L’accusa per i quattro è di “aver effettuato – dalla stagione 2021-22 e nel 2022-23 – direttamente, o per interposta persona, sia presso soggetti autorizzati che presso soggetti e piattaforme non autorizzati a riceverle, scommesse aventi a oggetto risultati relativi a incontri ufficiali organizzati nell’ambito della Figc e di campionati stranieri”. Se le loro responsabilità saranno accertate, i quattro rischiano una lunga squalifica. Il Benevento è alla finestra perché una eventuale condanna di Pastina e Letizia, contrattualizzati della società giallorossa, avrà delle conseguenze importanti sulle scelte che dovrà operare Carli sul mercato. Il verdetto, dopo il dibattimento che dovrebbe chiudersi entro ora di pranzo, è previsto nel pomeriggio anche se l’attività del TFN oggi sarà particolarmente intensa dovendo trattare altri sei procedimenti disciplinari.