Tempo di lettura: 2 minuti

La Uil Avellino/Benevento rende noto, col suo 9° rapporto 2019, che le ore di cassa integrazione guadagni complessivamente autorizzate nei primi nove mesi dell’anno 2019 sono state circa 187 milioni, con un aumento del 16,3% sullo stesso periodo del precedente anno 2018. Nel mese di settembre 2019, le ore autorizzate di cassa integrazione hanno salvaguardato oltre 121 mila posti di lavoro. A livello locale, per quanto riguarda la provincia di Benevento, si è passati da 87.851 ore di cassa integrazione del mese di settembre 2018 alle 34.673 ore del mese di settembre 2019 con una diminuzione del 60,5% delle ore complessivamente autorizzate. Sempre a livello provinciale, facendo il raffronto tra i primi 9 mesi del 2018 e i primi 9 mesi del 2019, si ha una diminuzione del 20,2% delle ore autorizzate. Difatti a fronte del 1.104.897 di ore del 2018 si è scesi alle 881.803 ore complessive del 2019.

I dati molto negativi che riguardano la provincia di Benevento – osserva Giovanni De Luca (Uil Avellino/Benevento) – dimostrano che vi è bisogno di una radicale inversione delle scelte che deve fare la politica. Scontiamo qui nel Sannio la fragile consistenza dell’assetto delle imprese locali, un significativo fenomeno di desertificazione sociale dovuto all’emigrazione costante e continua dei giovani laureati, il deficit infrastrutturale e una bassissima qualità delle istituzioni locali. Il risultato complessivo – conclude il sindacalista – ci espone a un concreto rischio di declino sociale, produttivo, economico e demografico”.