Tempo di lettura: 2 minuti

Clemente Mastella non ci sta. Il sindaco di Benevento, che un sondaggio pubblicato da Il Mattino vede vincente in caso di candidatura alla presidenza della Regione Campania per il centrodestra con la stessa percentuale di Stefano Caldoro, non accetta il diktat di Silvio Berlusconi. Dal sondaggio commissionato all’istituto di Antonio Noto, emerge che Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia si imporrebbero sul presidente uscente, Vincenzo  De Luca, sia con Caldoro come leader che con Mara Carfagna o con lo stesso Mastella, che ha commissionato la rilevazione. Il centrodestra è in testa con il 42%, seguito dal centrosinistra con il 32 per cento e il Movimento 5 Stelle con il 18 per cento.

Per vincere”, attacca Mastella, “risulta essenziale il dato dell’unità, altrimenti tutto verrà messo in discussione per la presenza di tantissime liste civiche. L’altro dato stupefacente è il risultato che mi riguarda anche se non ho endorsement da nessuno. Caldoro è il candidato di tutti e io prendo il suo stesso quoziente di consenso in Regione. Questo mi pone nella condizione di chiedere con forza le primarie e all’interno delle primarie di candidarmi. Stavolta non si sfugge, nessuno può far finta di non sentire”.

Mastella è scatenato: “Pieno rispetto per i leader della maggioranza”, aggiunge, “ma è opportuno anche ascoltare i territori, altrimenti si rischia in maniera clamorosa. La mia opinione è che si deve aspettare per decidere per davvero a partire dal primo di febbraio, dopo le elezioni in Emilia Romagna che saranno una Stalingrado, una battaglia decisiva in cui chi perde si deprime e chi vince si esalta e questo avrà conseguenze a livello nazionale”.

Carlo Tarallo