Tempo di lettura: 2 minuti

Ceppaloni (Bn) – “Sono circa duecento le firme raccolte a Ceppaloni a sostegno della iniziativa popolare avverso la richiesta, da parte del dott. Giuseppe Lombardi, di trasferire l’unica farmacia rurale da Ceppaloni capoluogo (centro storico) alla frazione di “Beltiglio”.

Inizia così una nota stampa a firma del “Comitato Civico Ceppaloni”.

“I cittadini, riunitisi in un comitato spontaneo, chiedono un intervento urgente degli amministratori, a cominciare dal Sindaco, quale massima autorità sanitaria in loco, per scongiurare tale trasferimento che andrebbe a creare enormi disagi, soprattutto agli anziani, che si vedrebbero costretti a percorrere 5 chilometri per raggiungere la nuova sede della farmacia in una località non servita peraltro da collegamenti di mezzi pubblici.

La popolazione del Centro Storico di Ceppaloni è composta al 70%, da anziani ultrasessantacinquenni, per la maggior parte sprovvista di auto. Di conseguenza, gli stessi sarebbero costretti, per rifornirsi di medicinali, a fare 10 km a piedi (andata e ritorno) per recarsi alla frazione Beltiglio. Per non parlare poi dei medicinali salvavita.

Ciò in conseguenza del fatto che non esiste nessun collegamento di mezzi pubblici tra Ceppaloni capoluogo e la frazione Beltiglio. La stranezza della richiesta del farmacista dottor Lombardi è dovuta al fatto che i cittadini della frazione Beltiglio in oltre cento anni non hanno mai chiesto il trasferimento della farmacia nel proprio territorio, per un semplice motivo: la frazione, tramite la strada provinciale Ciardielli, è ben collegata attraverso mezzi pubblici, con i confinanti Comuni di San Leucio del Sannio e di Arpaise. Addirittura la frazione Beltiglio sembra far parte del Comune di San Leucio in quanto, con lo stesso, rappresenta un unico conglomerato edilizio.

La farmacia di S. Leucio del Sannio è ubicata a poco più di 300 metri dal confine con Beltiglio e quella di Arpaise a meno di mille metri su una superficie pianeggiante.

In definitiva, nonostante la farmacia abbia ottenuto l’autorizzazione regionale al trasferimento, il Comitato civico, forte del sostegno popolare, chiede all’Amministrazione comunale di Ceppaloni di intervenire opponendosi fermamente a tale trasferimento”.