Tempo di lettura: 2 minuti

Cerreto Sannita (BN) – Di seguito una nota stampa del gruppo consiliare “La Svolta” del comune di Cerreto Sannita. 

“Negli ultimi giorni – scrivono i consiglieri del gruppo “La Svolta” – si sono moltiplicati gli appelli al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca per rendere attivo l’ex P.O. ‘Madonna delle Grazie’ di Cerreto Sannita.

Non da ultimo una lettera firmata dai sindaci di San Lorenzo Maggiore, Pietraroja, Torrecuso, Paupisi, Casalduni, San Salvatore Telesino, Amorosi, Guardia Sanframondi, Morcone, Bucciano, Bonea e Forchia, con la quale si chiedeva di rendere attivo l’ospedale di Cerreto come polo secondario di diagnosi per ciò che concerne i tamponi naso – faringei. Appare davvero inspiegabile – al netto del merito della missiva – l’assenza del sindaco di Cerreto Sannita. Quale primo cittadino del comune dove insiste la struttura ospedaliera, ci saremmo aspettati un deciso protagonismo del sindaco. Normalità vorrebbe che il sindaco di Cerreto Sannita si ponesse “a capo” di tutte le sacrosante e legittime rivendicazioni che riguardano l’ex P.O. ‘Madonna delle Grazie’.

E invece, purtroppo, assistiamo inerti a un’ulteriore marginalizzazione del nostro comune, questa volta con aspetti che hanno proprio del paradossale. Insomma, per farla breve, sono i sindaci di altri comuni a chiedere di “smuovere le acque” per quel che riguarda l’Ospedale di Cerreto, mentre il sindaco del nostro comune rimane in una sorta di ritiro ascetico. Ad oggi – concludono – l’unica richiesta formulata dalle istituzioni cittadine sull’Ospedale di Cerreto resta la lettera inviata al presidente della Regione Vincenzo De Luca da questo gruppo consiliare”.