Tempo di lettura: 3 minuti

Benevento – Non riesce a conquistare la sesta vittoria di fila l’Asd Cesare Ventura, ed è un vero peccato. Ma il pareggio conquistato al Mellusi vale oro, considerando l’andamento della gara. Partita vera e combattuta per tutti gli 87 minuti (80+7 complessivi di recupero tra primo e secondo tempo), in bilico fino al triplice fischio.

Ad affrontarsi due belle realtà calcistiche. I padroni di casa in campo per confermare la lunga striscia positiva di risultati. Gli ospiti per provare a frenare i gialloblù e per riconquistare posizioni in classifica più consone ai propri obiettivi e al valore della squadra.

Pronti via e dopo una manciata di minuti la Cesare Ventura è passata in vantaggio con un calcio di rigore – netto – assegnato per un fallo di mano in area. Sul dischetto Andrea Pizzi che non ha lasciato scampo a Postiglione, per l’1-0. Padroni di casa a premere e a cercare il raddoppio, ma ospiti sempre pronti a ripartire con pericolose folate offensive controllate con qualche difficoltà dalla retroguardia di Lepore. La Ventura ha attaccato con continuità, andando vicina al raddoppio per ben tre volte: con Mulè (due diagonali forti ma imprecisi) e poi con una clamorosa traversa colpita di capitan Cagnale. Nel frattempo, una buonissima parata del pipelet di casa Mazzeo su tiro in mischia. Quasi allo scadere del tempo, il raddoppio, con Paolo Cagnale a sfruttare un pallone rubato dall’esterno Mulè servitogli in area: 2-0 e squadre al riposo.

La seconda frazione si è aperta con la Materdei a premere alla ricerca del goal per riaprire la gara. E un errore della di valutazione della retroguardia gialloblù (presunto fuorigioco) ha consentito alla squadra napoletana di accorciare le distanze (2-1) e di iniziare a credere alla rimonta. La Cesare Ventura ha abbassato troppo il baricentro, anche a causa della stanchezza per una gara intensa e senza esclusione di colpi e, quasi allo scadere della seconda frazione, è arrivato il goal del pari per la Materdei, sugli sviluppi di un calcio d’angolo per il 2-2 finale. Anche stavolta la retroguardia di mister Lepore ha da farsi perdonare qualcosa, ma in considerazione di quanto la squadra ha espresso e del valore dell’avversario, il risultato può considerarsi giusto.

Partita non bellissima sul piano tecnico ma intensa e combattuta, davvero piacevole da vedere. Forse non la migliore prestazione per Cagnale e compagni che, però, hanno dimostrato ancora una volta di potersela giocare contro chiunque in questo campionato assolutamente combattuto e difficile, nella speranza per il tecnico Lepore di recuperare al più presto qualche calciatore alle prese con lievi infortuni che ne limitano le prestazioni.

Sesta giornata del campionato U.17, girone C

Asd CESARE VENTURA – Asc Materdei 2-2

Asd Cesare Ventura U.17 (4-2-3-1): Mazzeo ; Pizzi , Soricelli , Schettini , Luongo ; Delli Carri , Tretola ; Sapio, Castiello, Mulé; Cagnale. A disp.: D’Andrea, Manuzzi, Di Monti, Foria, Monteforte, Bianco. All. Giuseppe Lepore

Asc Materdei: Postiglione; Costa, Napolitano, Rosati, D’Angelo, Gargiulo, Campolongo, Silvestri, De Luca, Del Gaudio, Cotroneo G. A disp.: Tozzi, Cotroneo F., Giordano, Farina, Rigotti, Esposito, Di Fiore. All.: Antonio Nasti

Arbitro: Sig. Ennio Gentile.

Reti: Pizzi (r.) e Cagnale (CV).